Bolzano, Pesaro e Ferrara, le città bike friendly d’Italia

Sono le uniche tre città italiane nelle quali oltre un quarto degli spostamenti avviene in bicicletta

bolzano.jpg

Sono Bolzano, Pesaro e Ferrara le tre città bike friendly d’Italia, quelle nelle quali oltre un quarto degli spostamenti avviene in bicicletta.

Il primato è condiviso fra il capoluogo altoatesino e la cittadina marchigiana dove il 28% degli abitanti sceglie le due ruote per spostarsi. Sul gradino più basso del podio c’è Ferrara con il 27%.

I dati del primo Rapporto sull’economia della bici in Italia e sulla ciclabilità nelle città mette in luce il primato delle regioni del Nord Italia, visto che nelle prime dodici città per percentuale di spostamenti in bici c’è solamente una città del Centro Italia, Pisa (17%).

L’Emilia Romagna è la città maggiormente rappresentata: oltre a Ferrara, troviamo Reggio Emilia (23%), Ravenna (22%), Forlì (19%) e Rimini (16%).

Le performance di Bolzano e Pesaro sono il frutto di intelligenti scelte politiche e di pianificazioni di medio e lungo termine. Come si legge nel rapporto di Legambiente

“il comune altoatesino, ad esempio, ha via via collegato tra loro, formando una sorta di grande anello ciclabile, tutte le zone scolastiche, sportive e ricreative cittadine determinando un passaggio da un uso quasi esclusivamente ricreativo e occasionale della bicicletta a un utilizzo per i movimenti sistematici casa-scuola e casa-lavoro”.

Pesaro ha invece lavorato su di una infrastrutturazione leggera e sulla comunicazione creando la Bicipolitana, “una metropolitana di superficie, dove al posto delle rotaie ci sono i percorsi ciclabili e al posto dei vagoni ci sono le bici. Lo schema utilizzato è quello tipico delle subway, con le linee di diversi colori che collegano le varie zone della città”.

Alla fine del 2016 i chilometri di Bicipolitana erano 85 e, visto il successo, la rete continua a estendersi. Niente è per caso: per implementare la ciclabilità non bastano le singole iniziative ma occorre una visione sistemica.

Immagine | Comune di Bolzano

  • shares
  • Mail