Mondiali di Nuoto Budapest 2017, tuffi: Tocci e Bertocchi in finale da un metro

Molto bene anche le azzurre del nuoto sincronizzato.

È stata subito una buona giornata per l’Italia la prima dei Mondiali di Nuoto 2017 a Budapest, perché di fatto è riuscita a piazzare un proprio atleta in ognuna delle finali delle discipline di cui oggi si sono disputati i preliminari.

Cominciamo dai tuffi, dove gli azzurri sono andati addirittura al di sopra delle attese. Infatti Giovanni Tocci si è qualificato alla finale da un metro con il terzo miglior punteggio, subito dietro ai cinesi Peng Jianfeng, che ha ottenuto 435,15 punti, e He Chao, che ne ha avuti 431,35. Il giovane calabrese, invece, ha ottenuto 410,60 punti, frutto dei 67,60 del doppio e mezzo avanti carpiato, 72 del doppio e mezzo avanti con un avvitamento carpiato, 54 del doppio e mezzo indietro raggruppato, 72 del doppio e mezzo rovesciato raggruppato, 67,50 del triplo e mezzo avanti raggruppato e 77,50 del doppio e mezzo ritornato raggruppato. Vola dunque alla sua prima finale mondiale.

Ecco il commento di Giovanni Tocci subito dopo la qualificazione:

“In finale sparerò tutte le cartucce. Per confermarmi lassù dovrò essere più pulito e necessariamente migliorare l'esecuzione del doppio e mezzo indietro raggruppato che ho sbagliato anche a Kiev e in precedenza a Londra. È un po' il mio tallone di Achille. Sono entrato in gara subito bene malgrado fossi nervoso alla vigilia. Sono contento della prestazione anche se so che in finale sarà una gara diversa"

Non ce l’ha fatta, invece, Tommaso Rinaldi, che ha chiuso al 19° posto con 340,15 punti.
Nella stessa gara da un metro, ma al femminile, è Elena Bertocchi, campionessa europea di specialità, a volare in finale con il quarto punteggio, 263,05 punti, dietro l’australiana Maddison Keeney (283,80), la cinese Yiwen Chen (277,20) e la malesiana Jun Hoong Cheong (272,75). L’azzurra ha ottenuto 50,40 per il salto e mezzo ritornato carpiato, 55.90 per il doppio e mezzo avanti carpiato, 51,75 per il salto e mezzo indietro carpiato, 50,40 per l’uno e mezzo rovesciato carpiato e 54,60 per l’uno e mezzo rovesciato con un avvitamento e mezzo. Questo il suo commento dopo la gara:

“Sapevo che per entrare in finale bastava essere regolare; non mi aspettavo già il quarto posto e spero di migliorare in finale. Non dovessi raggiungere il podio, preferirei comunque il quinto posto al quarto. La cinese Chang Yani è uscita l'altra, Chen Yiwen, non mi sembra irraggiungibile. Esclusa l'australiana Maddison Keeney le altre mi sembrano tutte battibili”

Nella stessa gara l’esordiente Chiara Pellacani ha chiuso al 31° posto con 216,15 punti.

Nel nuoto sincronizzato la nostra Linda Cerruti si è qualificata per la finale del solo tecnico con 87.8975 punti, sesto punteggio in totale, quindi meglio di due anni fa a Kazan, quando nei preliminari ottenne 86.2072 punti. E in coppia con Costanza Ferro va in finale anche nel duo tecnico con un punteggio di 81.8125 punti, il sesto in totale.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO