Mondiali di Nuoto Budapest 2017, tuffi: Elena Bertocchi bronzo dal metro

È davvero l’erede di Tania Cagnotto!

Per Elena Bertocchi è forse giunta la medaglia che la consacra a tutti gli effetti come l’erede di Tania Cagnotto, sebbene la carriera della figlia di Giorgio resti inimitabile. L’Italia, però, che temeva di restare senza medaglie mondiali dopo il ritiro della regina dei tuffi, si ritrova subito a raccogliere metalli preziosi con la non ancora 23enne Elena, già campionessa d’Europa nei tuffi da un metro, ora terza a livello mondiale. Quella di Elena Bertocchi è la 17esima medaglia iridata dell’Italia ai tuffi, il nono bronzo, che si somma a tre ori (due di Dibiasi e uno di Tania Cagnotto) e cinque argenti.

L’azzurra oggi si è piazzata dietro all’australiana Maddison Keeney, nuova campionessa del mondo con un punteggio di 314,95 punti, e dopo la russa Nadezhda Bazhina, che ha chiuso con 304,70 punti.

Elena Bertocchi ha ottenuto in finale 296,40 punti, frutto dei 61,20 punti nel salto e mezzo ritornato carpiato, 62,40 del doppio e mezzo avanti carpiato, 55.20 del salto e mezzo indietro carpiato, 55,20 dell’uno e mezzo rovesciato carpiato e 62,40 dell’uno e mezzo rovesciato con un avvitamento e mezzo. L’azzurra era prima a pari merito con Keeney dopo il primo tuffo, seconda dopo il secondo, quarta dopo il terzo, ma è risalita al terzo dopo il quarto tuffo e ha mantenuto la posizione.

Elena Bertocchi bronzo ai Mondiali 2017

Oggi si è svolta anche la gara maschile di tuffi in sincro da 3 metri e gli azzurri Gabriele Auber e Lorenzo Marsaglia si sono classificati all’undicesimo posto con 368,64 punti. L’oro è andato ai russi Evgenii Kuznetsov e Ilia Zaharov con 450,30 punti, l’argento ai cinesi Yuan Cao e Siyi Xie con 443,40 e il bronzo agli ucraini Oleg Kolodiy e Illya Kvasha con 420,99 punti.

Undicesimo posto anche per Noemi Batki e Maicol Verzotto nei tuffi in sincro misto dalla piattaforma con un punteggio di 291.54. Oro alla Cina con Qian Ren-Junjie Lian (352.98), argento ai britannici Lois Toulson e Matthew Lee (323.28) e bronzo ai nordcoreani Mi Rae Kim-Il Myong Hyon (318.12).

Nuoto sincronizzato: Linda Cerruti sesta nel solo tecnico


Al Varosliget Park di Budapest Linda Cerruti ha conquistato il sesto posto finale nel solo tecnico ottenendo 88.3369 punti esibendosi sulle note di "E lucevan le stelle" di Puccini con la coreografia di Maximova. È il suo miglior punteggio, visto che finora il massimo, 87.1493 punti, lo aveva ottenuto agli Europei di Londra 2016, dove vinse la medaglia di bronzo. Nel dettaglio l’azzurra ha ottenuto 26.6000 punti per l'esecuzione, 26.7000 per l'impressione artistica e 35.0369 per gli elementi che rappresentano il 40% del punteggio.

L’oro è andato alla russa Svetlana Kolesnichenko che, con 95.2036 punti, ha ufficialmente raccolto il testimone da dalla connazionale Svetlana Romashina, campionessa del mondo a Kazan 2015, europea a Londra 2016 e olimpica con la squadra a Rio de Janeiro 2016, che nel frattempo si è sposata e ora aspetta un figlio, ma è presente a Budapest in veste di assistent coach di Tatiana Danchenko per il singolo e il duo della Russia. L’argento va alla spagnola Ona Carbonell con 93.6534 punti, il bronzo all’ucraina Anna Voloshyna che con 91.9992 punti ha superato la giapponese Yukiko Inui (91.7490 punti) e ha pianto di gioia.

Nel duo misto tecnico Manila Flamini e Giorgio Minisini si sono esibiti sulle note di “A scream from Lampedusa”, curato da Michele Braga con la coreografia di Anastasija Ermakova. Gli azzurri hanno ottenuto 88.2492 punti di cui 27.0000 per l'esecuzione, 26.7000 per l'impressione e 34.5492 per gli elementi. Sono secondi solo alla Russia: Mikhaela Kalancha e Aleksandr Maltsev hanno ottenuto 88.4847 punti.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO