PyeongChang 2018: ancora pochi biglietti venduti. Li comprano le banche

Finora sono stati venduti il 40% dei biglietti, ma per lo più agli sponsor.

Se da una parte il presidente del CIO Thomas Bach pochi giorni fa, in occasione dell’assegnazione delle Olimpiadi estive Parigi 2024 e Los Angeles 2028, ci ha tenuto a precisare che gli imminenti Giochi Olimpici invernali a PyeongChang, in Corea del Sud, non sono a rischio nonostante le tensioni tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti, dall’altra parte i coreani non sembrano essere molto convinti e tranquilli e non stanno comprando i biglietti.

Finora sono stati venduti più o meno il 40% del totale dei biglietti disponibili, ma si tratta per lo più di tagliandi acquistati all’estero dagli sponsor dell’evento, che poi provvederanno a dispensarli a dirigenti e ospiti. Il pubblico “vero” non li sta ancora comprando e c’è dunque il serio rischio di vedere stadi semivuoti dal 9 al 25 febbraio, periodo in cui andranno in scena le Olimpiadi.

Per la precisione, finora, dei 1.070.000 biglietti in commercio, ne sono stati venduti 315.000 e dei 750.000 destinati al mercato interno soltanto 124.000 sono stati acquistati dai coreani. PyeongChang sta dimostrando di non avere molto appeal e la piaga delle tensioni tra i vicini nordcoreani e gli USA non fa che peggiorare la situazione.

In soccorso degli organizzatori stanno però arrivando le banche. Infatti la federazione degli istituti di credito della Sud Corea ha annunciato che acquisterà biglietti per un totale di circa 750mila euro e donerà anche altri 15 milioni di euro per consentire ai Giochi di crescere. Il gesto delle banche è stato definito di “responsabilità sociale”.

Il direttore generale del marketing del comitato organizzatore Eom Chan-wang ci ha tenuto a precisare che la questione nordcoreane non intimidisce i sudcoreani e che sono soprattutto gli stranieri che temono che PyeongChang sia a rischio, mentre in realtà la Corea del Sud è un Paese molto pacifico. Ma intanto neanche i sudcoreani acquistano i biglietti

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail