Giro dell’Emilia 2017: fantastica doppietta Visconti-Nibali. Guderzo trionfa al femminile

Sul podio anche Rigoberto Uran.

La centesima edizione del Giro dell’Emilia è stata decisa da una stupenda azione di Giovanni Visconti, che a poco più di 13 km dal termine ha attaccato da solo ed è riuscito ad arrivare al traguardo, mentre i suoi compagni della Bahrain-Merida hanno tenuto a bada il gruppo e alla fine Vincenzo Nibali si è piazzato proprio dietro di lui e davanti a Rigoberto Uran della Cannondale-Drapac (terzo anche l’anno scorso).

La fuga di giornata è stata animata da Davide Ballerini dell’Androni Sidermec, Adrien Niyonshuti del Team Dimension Data, Redi Halilaj dell’Amore & Vita Selle SMP, Francois Bidard dell’AG2R La Mondiale, Nicolas Edet della Cofidis Solutions Crédits, Fabien Doubey della Wanty-Groupe Gobert e Jacopo Mosca della Wilier Triestina-Selle Italia. Ballerini si è aggiudicato il primo gran premio della montagna, quello di Mongardino al km 22, dopo il quale il vantaggio rispetto al gruppo è aumentato fino a ben oltre i sette minuti. Gli uomini al comando sono stati raggiunti, al km 62, da Lorenzo Rota della Bardiani-CSF e Nicola Bagioli della Nippo-Vini Fantini.

Al gpm di Passo Zanchetta è stato Halilaj a transitare per primo e lungo la discesa il gap ha cominciato a scendere vistosamente, i battistrada hanno perso Niyonshuti, ma rimasti in otto al comando il vantaggio ha ricominciato a salire per qualche chilometro, per poi stabilizzarsi intorno ai tre minuti.

In vista della salita del San Luca sono state FDJ prima e Androni Sidermec e Bahrain Merida dopo a dare il colpo definitivo al vantaggio dei battistrada, che all’inizio della prima delle cinque ascese avevano solo un minuto di gap. Il gruppetto degli attaccanti ha così cominciato a sgretolarsi. Ai -20 km gli ultimi tre rimasti in fuga erano Edet, Mosca e Doubey, mentre Ballerini, rimasto più indietro, è stato raggiunto da Mickaël Chérel dell’AG2R, Guillaume Martin della Wanty-Groupe Gobert e Giovanni Visconti della Bahrain Merida. Questi contrattaccanti sono stati però presto riassorbiti dal gruppo e in contropiede Francesco Manuel Bongiorno della Sangemini-MG.KVis ha provato a evadere dal plotone ed è stato raggiunto da Edoardo Zardini della Bardiani-CSF.

A poco più di 20 km dal termine Doubey non è riuscito a reggere più il ritmo di Edet e soprattutto di Mosca, che ha accelerato e si è tolto di ruota anche il francese, mentre Zardini e Bongiorno hanno continuato la loro caccia. Mosca è andato fuori giri e così Zardini e Bongiorno lo hanno superato e sono andati in testa alla corsa, ma per pochissimo, perché il gruppo, guidato dalla Bahrain-Merida, ha ripreso tutti e ai -19 km il gruppo era compatto.

In discesa, a poco più di 13 km dal termine, Giovanni Visconti è partito all’attacco da solo, mentre i suoi compagni di squadra hanno fatto da stopper e sono riusciti a evitare una caduta causata dal vincitore uscente Esteban Chaves dell’Orica-Scott, che ha coinvolto anche Egan Bernal dell’Androni.

Nell’ultimo chilometro Visconti, in salita, ha faticato non poco, mentre Vincenzo Nibali ha tenuto a bada Gianni Moscon del Team Sky e Nicolas Roche della BMC.

Oggi si è disputata anche la quarta edizione del Giro dell’Emilia al femminile e a trionfare è stata Tatiana Guderzo, che ha corso con la selezione azzurra e ha anticipato Rossella Ratto e la lituana Rasa Leleiviyte.

Classifica finale GS Emilia 2017 - Visconti primo

Giovanni Visconti vince il Giro dell'Emilia 2017

  • shares
  • Mail