Trentino Volley, Mosna: “Andiamo male perché gli azzurri hanno giocato da maggio a ottobre”

Il Presidente della Diatec lamenta il fatto che i suoi giocatori siano stati impegnati tutta l’estate in azzurro.

Abbiamo spesso definito la nazionale italiana di pallavolo maschile come una sorta di succursale della Diatec Trentino, perché la squadra gialloblù è senza dubbio quella che negli ultimi anni ha “sfornato” più azzurri. Secondo il presidente della società di via Trener, questo sforzo avrebbe un prezzo, piuttosto caro, che la squadra starebbe pagando in questo inizio di stagione 2017-2018. Trento, infatti, ha finora rimediato sei sconfitte e due vittorie finora tra Supercoppa e campionato.

In una intervista a L’Adige il Presidente Diego Mosna ha detto:

"Noi siamo la squadra che paga il maggior prezzo per una stagione interminabile, con i tre azzurri costretti a giocare ininterrottamente da oltre un anno. Non voglio fare polemica, perché detto da noi in questo momento può sembrare soltanto un accampare scuse, ma comincio anche ad averne le scatole piene di questa storia di essere noi i più grandi contribuenti della Nazionale Italiana: non è possibile costruire gli atleti, fornirli all’Italia e poi ritrovarceli in queste condizioni. Quest’anno hanno giocato in azzurro da maggio a ottobre"

I tre a cui Mosna fa riferimento sono il capitano Filippo Lanza, il palleggiatore Simone Giannelli e l’opposto Luca Vettori, che durane l’estate è passato da Modena a Trento. In nazionale c’erano anche Oleg Antonov; Massimo Colaci e Daniele Mazzone che nella scorsa stagione hanno giocato in gialloblù e all’inizio dell’estate Trento aveva “fornito” alla nazionale anche i giovani Tiziano Mazzone e Gabriele Nelli.

Il presidente Mosna non ha risparmiato frecciatine agli avversari, in particolare a Ivan Zaytsev e Osmany Juantorena (ex Trento), rispettivamente della Sir Safety Conad Perugia e della Cucine Lube Civitanova. I due grandi protagonisti delle Olimpiadi di Rio 2016 quest’anno non hanno giocato in azzurro:

"Chi aveva problemi con le scarpe adesso sta giocando benissimo e anche chi ha passato l’estate a rinfrancarsi sulle spiagge di Cuba. I nostri invece arrancano senza l’energia per fare un salto in più. Juantorena è stato intelligentissimo: ha fatto una scelta che gli dà benefici in termini di qualità di vita, che salvaguarda la sua integrità di atleta e tutela anche gli interessi del club che lo paga. Purtroppo questa scelta ha messo nei guai chi ha dovuto sostituirlo"

Nei prossimi giorni Mosna andrà a Losanna per discutere del problema dei calendari troppo fitti di impegni per i giocatori impegnati con grandi club e con la nazionale e proverà a proporre un piano di riposo per i pallavolisti.

Intanto, il General Manager di Trento Bruno Da Re ha voluto rassicurare l’allenatore Angelo Lorenzetti nonostante la crisi che la squadra sta attraversando e ha detto che il coach ha la piena fiducia della società.

Foto © Lega Volley

  • shares
  • +1
  • Mail