Rugby, Test Match: Italia battuta nettamente 6-35 dal Sudafrica

Questa volta gli Springboks non si sono fatti sorprendere.

Aggiornamento ore 16:57 - La musica è decisamente cambiata rispetto all’anno scorso e gli azzurri dell’Italrugby nulla hanno potuto oggi contro gli Springboks che si sono imposti nettamente allo Stadio Euganeo di Padova.

L’Italia è passata in vantaggio per prima con un calcio di Canna al 10’ del primo tempo, ma il Sudafrica è andato in meta quattro minuti dopo con Louw, cui si è aggiunta la trasformazione di Pollard. Al 20’ è arrivato un altro calcio di punizione di Canna, poi per gli azzurri non è più arrivato nemmeno un punto, mentre lo show degli Springboks è continuato: meta di Mbonambi al 23’, di Venter al 34’, sempre trasformati dal Pollard e chiusura del primo tempo sul 6-21, al ritorno in campo un secondo tempo abbastanza bloccato, animato da una meta di Kitshoff al 44’ trasformata da Pollard e una di Mostert all’83’ trasformata da Jantjies per il 6-35 finale.

La presentazione di Italia-Sudafrica


La nazionale italiana di rugby torna in campo oggi per il terzo e ultimo test match dell’anno contro il Sudafrica. Gli azzurri proveranno a ripetersi dopo il successo dell’anno scorso contro gli Springboks per 20-18 a Firenze, prima storica vittoria per l’Italia contro una squadra dell’emisfero Sud.

Un anno fa gli Springboks erano in crisi nera, mentre oggi sono decisamente un’altra squadra, come ha sottolineato il capitano azzurro Sergio Parisse che, tuttavia, è ottimista per quanto riguarda la sua squadra:

“Gli Springboks sono una squadra diversa da quella di un anno fa, ma lo siamo anche noi e la volontà, forte, è di finire al meglio questo novembre. Per noi, per il gruppo, per il grande impegno che tutta la squadra ha messo nella nella preparazione di ogni gara. Rispetto a solo un anno fa la rosa della Nazionale è molto più ampia, le scelte per lo staff più difficili: penso a Padovani, Venditti, ad altri compagni titolari l’anno scorso a Firenze contro gli Springboks che oggi non sono qui. È un segnale di qualità, di profondità che si sono modificate. C’è stata una grande crescita a livello collettivo e diventerà sempre più difficile prendere delle decisioni: non può che essere un bene”

Il coach dell’Italia Conor O’Shea non vuole proprio pensare all’impresa dei suoi ragazzi di un anno fa:

“La vittoria di Firenze un anno fa riguarda la nostra storia, non mi interessa. Noi siamo concentrati sul nostro futuro e il nostro futuro è il Sudafrica sabato a Padova. Sarà un partita molto, molto dura. Loro sono una squadra migliore di un anno fa. Ma lo siamo anche noi. Gli Springboks sono una grande squadra, un mese fa stavano per battere la Nuova Zelanda. È vero che hanno faticato molto contro l’Irlanda, ma la settimana passata hanno sconfitto la Francia fuori casa. Ma, come sempre, noi dobbiamo pensare a noi stessi, alla nostra prestazione, e non agli avversari: abbiamo ottimi giocatori in ogni ruolo, esattamente come loro. Dovremo ripetere la prestazione di alto livello della scorsa settimana, concretizzando nei momenti giusti”

Oggi la partita va in scena allo Stadio Euganeo di Padova. Nei due precedenti test match di questo novembre l’Italia ha rimediato una vittoria per 19-10 contro Fiji al Massimino di Catania e una sconfitta per 15-31 contro l’Argentina a Firenze.

Italia-Sudafrica si può vedere in diretta tv in chiaro su Dmax, canale 52 del digitale terrestre, dalle ore 15 con la telecronaca di Vittorio Munari e Antonio Raimondi, ma già dalle ore 14:15 comincia il collegamento con Rugby Social Club condotto da Daniele Piervincenzi, affiancato da Paul Griffen. In streaming si può guardare tutto gratuitamente tramite Dplay, anche sullo smartphone con l’apposita app gratuita.

Italia-Sudafrica: formazioni


Formazioni Italia-Sudafrica

Italia: 15 Jayden Hayward, 14 Angelo Esposito, 13 Tommaso Boni, 12 Tommaso Castello, 11 Mattia Bellini, 10 Carlo Canna, 9 Marcello Violi, 8 Sergio Parisse, 7 Abraham Steyn, 6 Giovanni Licata, 5 Dean Budd, 4 Marco Fuser, 3 Simone Ferrari, 2 Luca Bigi, 1 Andrea Lovotti

In panchina: 16 Leonardo Ghiraldini, 17 Federico Zani, 18 Tiziano Pasquali, 19 Francesco Minto, 20 Renato Giammarioli, 21 Edoardo Gori, 22 Ian Mckinley, 23 Matteo Minozzi

Sudafrica: 15 Andries Coetzee, 14 Dillyn Leyds, 13 Jesse Kriel, 12 Francois Venter, 11 Courtnall Skosan, 10 Handré Pollard, 9 Ross Cronje, 8 Duane Vermeulen, 7 Pieter-Steph du Toit, 6 Francois Louw, 5 Lood de Jager, 4 Eben Etzebeth, 3 Wilco Louw, 2 Bongi Mbonambi, 1 Tendai Mtawarira

In panchina: 16 Chiliboy Ralepelle, 17 Steven Kitshoff, 18 Trevor Nyakane, 19 Franco Mostert, 20 Dan du Preez, 21 Rudy Paige, 22 Elton Jantjies, 23 Warrick Gelant

Arbitro: Romain Poite

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail