L’Italnuoto vince il trofeo per nazioni agli Europei in vasca corta di Copenaghen 2017

Per gli azzurri 5 ori, 7 argenti e 5 bronzi: terzi nel medagliere.

L’Italnuoto si conferma fortissima in vasca corta e, proprio come due anni fa a Netanya, anche a Copenaghen ha conquistato 17 medaglie e ha vinto il LEN Trophy, ossia il trofeo per nazioni. Rispetto a due anni fa, quando furono 7 gli ori, 5 gli argenti e 5 i bronzi, quest’anno, invece, gli azzurri hanno vinto 5 ori, 7 argenti e 5 bronzi, ma occorre ricordare che mancava Gabriele Detti, che avrebbe detto la sua nei 400 e 1500, Gregorio Paltrinieri non era al top come due anni fa e Federica Pellegrini ha deciso di dedicarsi alla velocità nonostante, visti i tempi, avrebbe certamente rivinto a mani basse i 200 stile libero.

C’è grande soddisfazione in casa azzurra perché la nazionale guidata da Cesare Butini ha ottenuto 959 punti, di cui 501 al maschile (secondi solo ai russi), 400 al femminile (azzurre prime in assoluto) e 58 misti (proprio come la Russia, mentre solo Polonia e Bielorussia hanno fatto meglio con 60 punti a testa).

Dietro agli azzurri si piazzano i russi con un totale di 901 punti e gli olandesi con 705 punti. Per quanto riguarda il medagliere, invece, la Russia è prima con 18 medaglie in totale, di cui 9 d’oro, 5 d’argento e 4 di bronzo, l’Ungheria è seconda con 13 medaglie, di cui 8 d’oro, 3 d’argento e 2 di bronzo e l’Italia è terza con le sue già citate 17 medaglie. Nel numero totale di medaglie l’Italia è seconda dietro alla Russia.

Ma ricordiamo tutte le medaglie degli italiani partendo dai cinque ori. Il primo titolo europeo è stato quello di Fabio Scozzoli nei 50 rana nella prima giornata, il giorno dopo è arrivato quello di Matteo Rivolta nei 100 farfalla, gli altri tre ori, invece, sono arrivati proprio oggi, nell’ultima giornata, e sono quello di Luca Dotto nei 100 stile libero, Marco Orsi nei 100 misti e Simone Sabbioni nei 50 dorso.

Tra le medaglie d’argento la prima è stata quella della staffetta veloce maschile, la 4x50 stile libero, con Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi, poi è arrivata quella di Piero Codia nei 100 delfino, proprio dietro al suo compagno Rivolta per una bellissima doppietta. In una sola giornata, il 15 dicembre, sono arrivati tre argenti, quello di Gregorio Paltrinieri nei 1500 stile libero, di Simone Sabbioni nei 100 dorso e di Ilaria Bianchi nei 200 farfalla. Gli ultimi due argenti sono stati quello di Fabio Scozzoli nei 100 rana e quello della staffetta 4x50 misti maschile con Simone Sabbioni, Fabio Scozzoli, Piero Codia e Luca Dotto.

E passiamo ai bronzi: Simona Quadarella lo ha vinto negli 800 stile libero, Margherita Panziera nei 200 dorso, Ilaria Cusinato nei 200 misti, la staffetta mista 4x50 stile libero con Luca Dotto, Marco Orsi, Erika Ferraioli e Federica Pellegrini e Luca Dotto nei 50 stile libero.

Ricordiamo inoltre che l’Italia è stata fortemente danneggiata da un malfunzionamento del device alla partenza della staffetta 4x50 misti mista, con Simone Sabbioni che ha perso 2” a causa di quel problema tecnico senza il quale, quasi certamente (tempi alla mano) l’Italia avrebbe conquistato l’oro.

Qui di seguito i link ai post di ogni singola giornata di questi trionfali Europei.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 11 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO