Parigi-Roubaix 2018: che impresa Sagan! Grande anche il secondo Dillier

Il campione del mondo in fuga per 54 km.

Il campione del mondo Peter Sagan ha vinto la Parigi-Roubaix 2018 ed è per lui la sua seconda classica monumento in carriera. Ha vinto compiendo una grandissima impresa, lasciando il gruppo ai -54 km per non farsi riprendere più e correre gli ultimi chilometri con alcuni degli uomini in fuga fin dalla prima ora, l'ultimo, uno splendido Silvan Dillier, dell'AG2R La Mondiale ha ceduto solo allo sprint finale. Al terzo posto si è piazzato Niki Terpstra della Quick-Step Floors.

Una Parigi-Roubaix che purtroppo è stata segnata anche da un brutto episodio: Michael Goolaerts, corridore belga della Veranda’s Willems, che è caduto ed è stato defibrillato prima di essere portato in ospedale. Per lui si parla di attacco cardiaco e probabilmente il malore è stato la causa della caduta e non viceversa.

La fuga del giorno è stata composta da Jelle Wallays (Lotto Soudal), Marc Soler (Movistar), Silvan Dillier (Ag2r La Mondiale), Sven Erik Bystrom (UAE Team Emirates), Geoffrey Soupe (Cofidis), Robert Jay Thomson (Dimension Data), Gatis Smukulis (Delko-Marseille), Ludovic Robeet e Jimmy Duquennoy (WB AquaProtect), che hanno avuto un vantaggio massimo superiore ai cinque minuti. Questo gruppo si è poi diviso in due in uno dei settori di pavé più complicati, quello di Trouée d'Arenberg, in una fase della gara in cui sono cominciati anche gli attacchi dei big dal plotone principale.

Ai -56 km ha provato ad attaccare Greg Van Avermaet della BMC, ma la Bora-Hansgrohe ha subito chiuso il buco e ai -54 km il suo capitano Peter Sagan è andato via da solo, raggiungendo poi gli ultimi tre uomini rimasti al comando, cioè Wallays, Dillier e Bystrom. Quest'ultimo è rimasto indietro a una quarantina di chilometri dal termine e dunque in testa sono rimasti in tre con un minuto di vantaggio sul gruppetto dei primi inseguitori composto da sei uomini Van Avermaet, Niki Terpstra e Philippe Gilbert della Quick-Step, Sep Vanmarcke e Taylor Phinney del Team EF, Stijn Vandenbergh dell'AG2R, Wout Van Aert della Veranda's Willems e Jasper Stuyven della Trek-Segafredo.

Dopo il settore in pavé numero 7, in testa sono rimasti sono Sagan e Dillier. I due sono usciti poi dal Carrefour de l’Arbre, uno dei tratti più attesi, con oltre un minuto di vantaggio. I due sono così andati a giocare la vittoria nel velodromo e nella volata finale non c'è stata storia, Peter Sagan ha vinto in scioltezza.

Peter Sagan vince la Parigi-Roubaix 2018

Questi i primi dieci al traguardo:
1) Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) 5h 54' 06"
2) Silvan Dillier (AG2R La Mondiale) s.t.
3) Niki Terpstra (Quick-Step Floors) +57"
4) Greg Van Avermaet (BMC) +1' 34"
5) Jasper Stuyven (Trek-Segafredo) +1' 34"
6) Sep Vanmarcke (Team EF Education First-Drapac) +1' 34"
7) Nils Politt (Team Katusha-Alpecin) +2' 31"
8) Taylor Phinney (Team EF Education First-Drapac) +2' 31"
9) Zdenek Stybar (Quick-Step Floors) +2' 31"
10) Jens Debusschere (Lotto Soudal) +2' 31"

  • shares
  • +1
  • Mail