Champions League Volley 2018: Lube in finale con lo Zenit Kazan

Perugia battuta dai russi in tre set.

Aggiornamento ore 19:29 - Purtroppo sarà solo una l'italiana in finale di Champions League 2018. I neo-campioni d'Italia della Sir Colussi Sicoma Perugia non sono riusciti a battere la "bestia nera" Kazan e hanno ceduto in tre set, in meno di un'ora e mezza di gioco. Domani, dunque, alle ore 18, la finale sarà tra i padroni di casa e campioni d'Europa e del mondo in carica dello Zenit Kazan e i vice-campioni d'Italia e del mondo della Cucine Lube Civitanova. Perugia se la vedrà con i polacchi dello Zaksa Kedzierzyn-Kozle per la medaglia di bronzo.

Questo il risultato della seconda semifinale:

Sir Colussi Sicoma Perugia - Zenit Kazan 0-3 (22-25, 20-25, 20-25)

Lube prima finalista


La Cucine Lube Civitanova è la prima finalista della Cev Champions League 2018 di pallavolo maschile grazie alla vittoria in semifinale in quattro set contro i polacchi dello Zaksa Kedzierzyn-Kozle allenati da Andrea Gardini.

Dopo aver combattuto quasi alla pari nei primi due set (25-21, 22-25), i polacchi hanno poi ceduto di schianto nei due successivi, conquistati nettamente dalla Lube per 25-15, 25-18.

Per la società marchigiana questa è la seconda finale dopo quella giocata nel 2002 a Opole, quando vinsero in finale contro i greci dell'Olimpiakos Pireo. Sono arrivati altre quattro volte in semifinale conquistando due quarti posti, nel 2007 a Mosca e nel 2009 a Praga, e due bronzi consecutivi nel 2016 a Cracovia e nel 2017 a Roma. Nelle ultime due occasioni in semifinale sono stati battuti da squadre italiane e cioè Trento due anni fa e Perugia l'anno scorso.

Proprio Perugia, reduce dallo storico triplete nei tornei italiani, è protagonista della seconda semifinale contro i padroni di casa nonché campioni in carica da tre anni dello Zenit Kazan. Gli umbri in questa stagione hanno vinto Supercoppa, Coppa Italia e Scudetto battendo sempre in finale la Lube. L'anno scorso gli uomini di Bernardi sono arrivati in finale di Champions proprio contro Kazan per 3-0. I russi hanno sconfitto poi la Lube, sempre in tre set, nella finale del Mondiale per Club, torneo in cui non hanno perso neanche un set.

Questo il commento del coach della Lube Giampaolo Medei:

“Non era scontato accedere alla Finale, alla Lube non succedeva da sedici anni. Abbiamo tolto nel corso della gara le scorie della sconfitta di domenica scorsa, è un orgoglio essere in Finale ma vogliamo fare di tutto per portare a casa il trofeo. Domani metteremo in campo il nostro 110% per vincere, questo gruppo lo merita dopo una stagione così in cui siamo arrivati in fondo in tutte le competizioni. L’avversario? Personalmente spero in un derby italiano, ma vedremo stasera. Prepareremo minuziosamente ogni piccolo dettaglio, oggi nei momenti importanti siamo stati freddi e lucidi, dovrà essere così anche domani”

E queste le parole di Osmany Juantorena:

“Volevamo questa finale e l’abbiamo conquistata, la quinta stagionale, siamo orgogliosi di quanto fatto. Dopo la Finale Scudetto ci siamo rialzati e abbiamo regalato al Club dopo 16 anni la Finale europea: domani vedremo come andrà, è l’ultima partita dell’anno e ci sarà da sudare qualsiasi sia l’avversario. Però noi ci saremo e ce la godremo”

Tabellino Lube-Zaksa

Cucine Lube Civitanova - Zaksa Kedzierzyn-Kozle 3-1 (25-21, 22-25, 25-15, 25-18)

Cucine Lube Civitanova: Sokolov 20, Candellaro n.e., Sander 14, Marchisio, Juantorena 18, Casadei n.e., Stankovic 5, Kovar 1, Grebennikov (L), Christenson 4, Cester 6, Milan n.e., Zhukouski. All. Medei.

Zaksa Kedzierzyn-Kozle: Zatorski (L), Szymura 8, Rejno n.e., Falaschi, Toniutti 1, Buszek, Jungiewicz 1, Wisniewski 8, Bieniek 9, Torres 20, Semeniuk n.e., Deroo 10, Maziarz n.e., Banach n.e.. All. Gardini.

Arbitri: Adler (HUN) – Jativa Rodriguez (ESP)

Durata dei parziali: 29’, 29’, 26’, 27’
Lube Civitanova: battute sbagliate 12, ace 8, muri vincenti 8, 52% in ricezione (31% perfette), 57% in attacco
Zaksa: battute sbagliate 15, ace 4, muri vincenti 7, 38% in ricezione (24% perfette), 51% in attacco

Foto © CEV

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail