Tour de France 2019, tappa 7: il riscatto di Groenewegen. Ciccone resta in Giallo

Si è chiusa con uno sprint la tappa più lunga di questo Tour de France.

Dylan Groenewegen, il grande deluso della prima tappa (a causa di una caduta), oggi, nella settima, ha trovato il suo riscatto e in volata, rimontando diverse posizioni, il velocista del Team Jumbo-Visma ha vinto davanti a Caleb Ewan e Peter Sagan (Bora-Hansgrohe), mentre il migliore degli italiani, quarto, è stato Sonny Colbrelli (Bahrain-Merida). Per la classifica generale ovviamente non cambia nulla e Giulio Ciccone (Trek-Segafredo) resta splendidamente in giallo.

Quella di oggi è stata la tappa più lunga di tutto questo Tour, ben 230 km da Belfort a Chalon sur Saone, con 3 gpm di cui due di quarta categoria e uno di terza e tutti lontani dall'arrivo, mentre gli ultimi 90 km sono stati completamente pianeggianti.

I ciclisti oggi non avevano neanche troppa voglia di andare in fuga e così si sono staccati dal gruppo solo due uomini, Stéphane Rossetto della Cofidis e Yoann Offredo della Wanty-Gobert, che hanno avuto un vantaggio massimo di poco sopra i tre minuti.

Gli inconvenienti per gli uomini di classifica, però, non sono mancati, come la caduta, anche abbastanza spettacolare, di Richie Porte della Trek-Segafredo (poi tornato prontamente in sella) o il ritardo di Daniel Martin dell'UAE Team Emirates e di Nairo Quintana della Movistar dopo lo sprint intermedio in cui si sono dati battaglia i pretendenti alla Maglia Verde e che ha visto Sonny Colbrelli della Bahrain-Merida avere la meglio davanti a Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) ed Elia Viviani (Deceuninck-Quick Step). Martin e Quintana, tuttavia, sono riusciti a rientrare nel gruppo Maglia Gialla dopo pochi minuti.

E il gruppo Maglia Gialla se l'è presa con comodo per la ripresa dei fuggitivi e ha lasciato Offredo e Rossetto davanti fino ai -12 km. Dopodiché è cominciata l'ovvia lotta tra i treni dei velocisti per mettere i propri capitani nella migliore posizione possibile in vista della volata finale. La Deceuninck-Quick Step di Elia Viviani ha provato a controllare le prime posizioni con il suo treno, ma nel finale è arrivata la rimonta di Groenewegen che ha sbaragliato tutta la concorrenza.

Questi i primi dieci oggi al traguardo della settima tappa, tutti con lo stesso tempo:
1) Dylan Groenewegen (Team Jumbo-Visma) 6h 02' 44"
2) Caleb Ewan (Lotto Soudal)
3) Peter Sagan (Bora-Hansgrohe)
4) Sonny Colbrelli (Bahrain-Merida)
5) Jasper Philipsen (UAE Team Emirates)
6) Elia Viviani (Deceuninck-Quick Step)
7) Giacomo Nizzolo (Team Dimension Data)
8) Jasper Steven (Trek-Segafredo)
9) Michael Matthews (Team Sunweb)
10) Alexander Kristoff (UAE Team Emirates)

E queste le prime posizioni della classifica generale dopo sette tappe:
1) Giulio Ciccone (Trek-Segafredo) 29h 17' 39"
2) Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick Step) +6"
3) Dylan Teuns (Bahrain-Merida) +32"
4) George Bennett (Team Jumbo-Visma) +47"
5) Geraint Thomas (Team INEOS) +49"
6) Egan Bernal (Team INEOS) +53"
7) Thibaut Pinot (Groupama-FDJ) +8"
8) Steven Kruijswijk (Team Jumbo-Visma) +1' 04"
9) Michael Woods (EF Education First) +1' 13"
10) Rigoberto Uran (EF Education First) +1' 15"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail