Sanremo 2013, Martin Castrogiovanni ospite nella serata finale

Alle ore 22:21, il rugbista italiano di origine argentina, pilone della Nazionale azzurra di Rugby, Martin Castrogiovanni ha fatto il suo ingresso sul palco del Teatro Ariston, in occasione della serata finale del Festival di Sanremo 2013, accolto dai conduttori Fabio Fazio e Luciana Littizzetto.

Castrogiovanni, elegantissimo, non poteva non essere oggetto delle graffianti battute della comica torinese. Il rugbista dei Leicester Tigers è stato al gioco, rispondendo a tono alle freddure della Littizzetto, godendosi il suo momento.

Castrogiovanni ha esordito, ammettendo di essere decisamente emozionato:

Grazie a voi, è un onore per me essere qui. Sono anche molto nervoso più di una partita di rugby.

Dopo che la Littizzetto ha notato l'accento spagnolo di Martin (Castrogiovanni è nato a Paraná, in Argentina, da una famiglia originaria di Enna), tra la comica e il rugbista, è iniziato uno scambio di battute degno di nota:

- Parla come Belen Rodriguez e ha anche i suoi capelli!
- Però non ho la farfalla...
- Tranquillo, quella ce la metto io.

Luciana Littizzetto, successivamente, per complimentarsi con Martin, ha sfoderato una serie di battute che hanno divertito i presenti:

Che armadio. Posso controllarti i cassetti? - Sei un condominio vivente, se lo sa Mario Monti, ti fa pagare 400 euro di Imu! - Riesce a portare una confezione di bottiglie d'acqua con il mignolo - Peso quanto la tua appendicite!

Castrogiovanni, che ha regalato a Fabio Fazio la maglietta dell'Italia che ha indossato in occasione della partita vinta contro la Francia, ha anche parlato proprio dell'impresa della nostra nazionale nel Torneo Sei Nazioni:

E' stata una cosa incredibile.

Riguardo il paragone con i calciatori, Martin ha dichiarato:

Di sicuro, ci facciamo male. Siamo più predisposti. Prendiamo botte da quando siamo bambini. E' una cosa che ci piace. Loro preferiscono lo champagne, noi la birra e i panini.

La Littizzetto, infine, gli ha chiesto se un giorno poserà per un calendario:

Il calendario non me lo posso permettere. I miei compagni di squadra sono più adatti.

Il rugbista italo-argentino ha lasciato il palco, dopo aver presentato la cantante Chiara Galiazzo.

  • shares
  • Mail