NBA: alterne fortune per gli italiani, Parker fuori un mese

Entrambi in quintetto, entrambi con una giornata non positiva al tiro, ma con risultati opposti. I Chicago Bulls di Marco Belinelli bissano la vittoria di giovedì notte e superano i Brooklyn Nets, ottenendo due vittorie consecutive per la prima volta da fine gennaio. L'azzurro parte in quintetto e chiude con 7 punti (2/7 dal campo), 3 rimbalzi e 4 assist, ma il vero protagonista è ancora Joakim Noah (21 punti, 10 rimbalzi e 5 assist).

Dopo un inizio favorevole alla formazione newyorkese, i Tori hanno girato la partita nel finale di secondo quarto, chiudendo il primo tempo con un parziale di 15-0, grazie anche ad un ottimo Carlos Boozer (20 punti), andando a +14. Il distacco si è dilatato nel terzo parziale ed è stato tardivo il tentativo di rimonta dei Nets nel quarto periodo, con un Brooke Lopez da 22 punti, ma un Deron Williams sottotono (4/12 dal campo).

Ritorna in quintetto Andrea Bargnani, ma le sue cifre non sono soddisfacenti (11 punti con 4/14, 7 rimbalzi e 3 assist) ed i Toronto Raptors vengono battuti al supplementare da Milwaukee. Decidono Ilyasova (cinque dei suoi 29 punti nell'overtime) ed un Brandon Jennings da 19 assist. Momento difficile per Golden State, quattro ko di fila con l'ultimo a Philadelphia, mentre Portland vince facile contro Minnesota.

La notizia più importante, purtroppo, riguarda l'infortunio di Tony Parker. Il playmaker dei San Antonio Spurs dovrà stare fermo un mese, a causa della distorsione alla caviglia sinistra, subita nella vittoria di venerdì notte contro Sacramento. "E' il miglior playmaker della lega - ha detto coach Gregg Popovich - e ci mancherà". Il francese aveva chiuso il mese di febbraio con 26.1 punti e 8.3 assist di media a partita.

I risultati della scorsa notte (2 marzo 2013):

Philadelphia 76ers-Golden State Warriors 104-97
Chicago Bulls-Brooklyn Nets 96-85
Milwaukee Bucks-Toronto Raptors 122-114 dts
Portland Trail Blazers-Minnesota Timberwolves 109-94

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail