Finale Challenge Cup volley maschile, andata: per Piacenza vittoria a Ufa (nonostante il tastierista…)

La Copra Elior Piacenza ha vinto per 3-0 la finale di andata della Challenge Cup 2013 in trasferta contro l'Ural Ufa. Ritorno al PalaBanca domenica 24 marzo.

Un'altra vittoria per 3-0 in Challenge Cup per la Copra Elior Piacenza, questa volta ancora più preziosa perché è l'andata della finale in casa dell'Ural Ufa.

I ragazzi di Luca Monti hanno vinto con estrema facilità il primo set 25-12 in appena 20 minuti, poi nel secondo parziale hanno concesso qualcosa di più ai padroni di casa soprattutto dopo il secondo time-out tecnico, al quale erano arrivati sul 16-10, tuttavia, si sono aggiudicati anche questo set per 25-22.

Tutt'altra storia nel terzo parziale: i russi sono stati avanti per tutto il tempo, ma Piacenza ha sempre dato l'impressione di poterli riacciuffare in qualsiasi momento senza troppi sforzi. Il pareggio, infatti, è arrivato sul 22-22, poi ecco altri due punti per Zlatanov e compagni che però non hanno sfruttato le due palle match. La prima è stata annullata da Falasca con il solito trucchetto del punto veloce dei palleggiatori, poi è andata fuori una schiacciata di Fei che però si è ripreso subito con il punto del 25-24, ma a questo punto è cominciata una lunga serie di inseguimenti punto su punto, fino ad arrivare all'ultimo match point guadagnato da Papi sul 30-31 e finalmente il punto del 32-30 che ha dato la vittoria per 3-0 a Piacenza sugli uomini di Angiolino Frigoni.

Il migliore in campo è stato Alessandro Fei con 19 punti, mentre Maxwell Philip Holt è stato il più bravo in battuta con tre ace mentre il capitano Hristo Zlatanov ha messo a segno tre muri vincenti.

Più delle furbizie di Falasca o dei colpi di Vissotto, forse a irritare i giocatori di Piacenza è stato il tastierista a bordo campo…
I tifosi dell'Ural Ufa erano pochi (in un palazzetto che sembra la palestra di un Liceo), ma molto ben organizzati, con il capo ultrà munito di microfono e capace di farsi sentire più dello speaker e soprattutto il tastierista (probabilmente ingaggiato dalla stessa società) che improvvisava qualche accordo a ogni punto, veramente esagerato e da mal di testa.

Si è esibito su un infinito repertorio che va da Toto Cutugno a Seven Nation Army passando per la sigla della Famiglia Addams (per la quale era puntualmente accompagnato dai piatti e dai tamburi degli ultrà).

Ad ogni modo tutto il caos dei tifosi di Ufa non è bastato a deconcentrare i ragazzi di Monti che non hanno ancora perso un set in questa competizione.
Per fortuna la partita di ritorno sarà al PalaBanca di Piacenza, un luogo sicuramente più adatto a una finale europea, per dare la giusta cornice a una vittoria della Copra Elior che ormai pare cosa fatta (facendo tutti gli scongiuri del caso).
L'appuntamento è per domenica 24 marzo alle ore 18. Chi non può andare al Palazzetto può seguire il match in streaming su laola1.tv.

Ecco il tabellino del match e sotto la foto dell'irritante tastierista dell'Ural Ufa…

Ural Ufa - Copra Elior Piacenza 0-3 (12-25, 22-25, 30-32)

Ural Ufa: Zhloba, Kazakov 1, Abramov 9, Botin, Vissotto Neves 12, Falasca Fernandez 2, Ashchev 6, Alekseev 1, Samoylenko 3, Spiridonov 5, Verbov (L), Panteleymonenko 4. All. Frigoni

Copra Elior Piacenza: Marra (L), Corvetta, Papi 9, Fei 19, Simon Aties 5, Zlatanov 16, Holt 8, Tencati 2, Vettori, De Cecco 3. Non entrati Ogurcak, Maruotti. All. Monti

Arbitri: Bozkurt Bülent - Isajlovic Sinisa
Spettatori: 815
Durata set: 21', 27', 38'
Ural Ufa: battute errate 12, ace 2
Copra Elior Piacenza: battute errate 12, ace 8

Foto © CEV

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: