Bike Sharing - 20000 bici pubbliche a Roma entro il 2008

Bike Sharing

Mentre a Milano si parla di mobilità alternativa, di piste ciclabili e di fiere del settore, a Roma forse si muove qualcosa. Per davvero.

Lo segnalano i cugini romani di 06blog che auspicano una capitale a due ruote dove poter prendere in prestito una bicicletta per pedalare senza fretta, non solo la domenica mattina.

Il sindaco di Roma Walter Veltroni

ha presentato il primo passo (sperimentale) per il servizio di Bike Sharing : 250 bici per il solo Centro storico nella zona a traffico limitato.

Semplice ed ecologico il Bike Sharing funzionerà attraverso una tessera ricarcabile per il noleggio individuale della bicicletta. Nei luoghi più frequentati del centro storico e in prossimità delle fermate dei mezzi di trasporto pubblico saranno installate le varie postazioni, chiamate cicloposteggi, dove verranno posizionate delle colonnine elettroniche ed un sistema di ancoraggio dei mezzi.

Seguono tutte le indicazioni per il servizio

La procedura per accedere al servizio, per il momento, è la seguente: i cittadini dovranno registrarsi in uno dei Pit (punti di informazione turistica) e depositare 30 euro di cauzione che verrà restituita qualora l’utente volesse disdire la sua registrazione al servizio Bike sharing. A quel punto gli verrà consegnata una tessera ricaricabile a discrezione (da 5 fino a 50 euro) ed un lucchetto. Con la tessera si sblocca la colonnina, quindi la bici, e si registra l’onere del noleggio: 1 euro ogni mezz’ora fino alla quarta mezz’ora dopo la quale scatterà il prezzo di 4 ore a mezz’ora. Il servizio sarà attivo dalle 7 alle 24 e i cittadini potranno noleggiare una bici in una postazione qualsiasi e lasciarla parcheggiata anche in un’altra (non per forza quella iniziale). Gli indirizzi dei Pit si troveranno sulle colonnine. Semplice, semplice e, come detto, molto ecologico.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: