Running - Rinforzare le caviglie

cavigliaPer chi corre avere delle caviglie forti è un vantaggio, ma è anche un modo per allontanare la possibilità di infortuni ai legamenti della caviglia o per recuperare una stabilità anatomica compromessa dai postumi di un infortunio, come metatarsalgie o fasciti.

La prestazione atletica infatti, può essere pregiudicata da distorsioni trascurate, oppure semplicemente perchè si manca di alcune qualità neuromuscolari che portano ad un'alterazione dell'appoggio e della meccanica della corsa.

Non è solo una questione di forza però; nella capsule articolari della caviglia e del piede, nei muscoli e nei tendini, ci sono dei recettori del sistema nervoso detti propriocettori.

I segnali che da essi raggiungono il centro del nostro sistema nervoso, il cervello, ci forniscono la coscienza della posizione delle articolazioni mentre ci muoviamo, consentendoci di rimanere in equilibrio mentre camminiamo o corriamo.

Ecco perchè non è solo un fatto di muscoli e tendini della caviglia.
Per recuperare o acquisire stabilità di appoggio occorre educare o potenziare la nostra capacità propriocettiva.
Ci sono esercizi che portano la caviglia in posizioni instabili educando l'atleta a reagire a livello neuromuscolare.

Un classico esercizio consiste nello stare in equilibrio su una gamba per 1 o 2 minuti; se eseguito ad occhi chiusi è ancora più difficile.
Si può usare a questo scopo anche una tavoletta propriocettiva, un attrezzo usato in ambito fisioterapico e riabilitativo.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: