Le attività outdoor sull'Appenino


La stagione invernale si può dire ormai avviata e molte sono le attività a cui uno può dedicarsi in montagna. In questi giorni abbiamo parlato di sleddog, nordic walking, kitewing oltre allo sci e snowboard.

L'Appenino, di cui possiamo considerare il comprensorio del Cimone il polo aggregatore, offre parecchie opportunità. Gli amanti di ciaspole e nordic walking possono approfittare di varianti in notturna o di gare di orienteering sulle racchette. A Piandelagotti si possono prendere lezioni per guidare le slitte trainate da cani. A Campigna, sull'Appennino forlivese, c'e una pista dedicata esclusivamente al bob.

Anche in Romagna si punta sulle ciaspole da provare in notturna indossando un casco con una piccola torcia. Accompagnati da una guida si possono raggiungere il Monte Falco e le sorgenti dell'Arno. Alle Balze, nel comune di Verghereto (FC), oltre allo sci alpino e di fondo, sono proposte gite in motoslitta ed escursioni sulle racchette che si concludono con una degustazione tipica in un agriturismo. Piste di sci in notturna sono aperte a Passo Penice (Pc), Prato Spilla (Pr), Piane di Mocogno e Piandelagotti (Mo).

A richiesta tutte le località offrono gite in motoslitta per raggiungere un rifugio in cima a una vetta. A Febbio, sull'Appennino reggiano, i maestri di sci hanno fatto un corso di addestramento e sono diventati anche istruttori di nordic walking.

Per i bambini ci sono ovunque bellissimi baby park, a cominciare da quelli del Cimone: qui, all'Acrobatic Park del Lago della Ninfa, si può praticare anche il tree climbing. Mentre a Piane Mocogno c'è la pista di snow tubing (discesa sui gommoni) più lunga della regione.

Via | Appennino Bianco

  • shares
  • Mail