Giochi del Mediterraneo 2013, ottava giornata: altre 27 medaglie azzurre, 12 dall'atletica

Due medaglie dal beach volley e altre due in arrivo dalla pallavolo.

I Giochi del Mediterraneo di Mersin 2013 sono destinati a entrare nella storia dello sport italiano perché questa è la manifestazione sportiva all'estero in cui gli azzurri raccolgono più medaglie. Quando mancano due giorni alla fine hanno già raggiunto quota 170 podi. In passato la spedizione all'estero più redditizia è stata quella ai Giochi del Mediterraneo ad Atene nel 1991 quando arrivarono 168 medaglie.

Oltre alle 170 già appese al collo degli azzurri, si devono aggiungere con certezza altre tre provenienti due dal volley e una dal tennis. Sia la nazionale di volley maschile di Andrea Giani sia quella femminile di Marco Mencarelli sono infatti qualificate per la finale e giocheranno per l'oro rispettivamente contro Tunisia e Turchia (quest'ultima allenata da Massimo Barbolini). Nel tennis, Federica Di Sarra e Anastasia Gymalska hanno vinto l'argento nel doppio femminile dopo essere state battute in finale dalle turche Buyukackay-Ozgen per 2-1 (7-6, 4-6, 14-12). Nel singolare femminile la finale per il terzo posto sarà tutta italiana.

Il beach volley intanto ha già conquistato due medaglie: l'oro di Marta Menegatti e Greta Cicolari, che hanno vinto in finale per 2-0 (21-13 21-16) contro le greche Arvaniti-Karakgounis, e il bronzo di Laura Giombini e Daniela Gioria, che hanno vinto la finalina per il terzo posto per 2-0 (21-18 21-17) contro le slovene Fabjan-Vodeb. Nel torneo maschile, invece, Daniele Lupo e Paolo Nicolai hanno perso la finale per il bronzo per 2-1 (18-21 21-18 15-13) contro i francesi Salvetti-Daguerre, mentre Matteo Cecchini e Paolo Ingrosso hanno vinto la sfida per i quinto posto contro i serbi Basta-Tesic.

Dopo la pioggia di medaglie provenienti dalla piscina, ecco la scorpacciata che arriva invece dalla pista: solo oggi nell'atletica leggera ci sono stati 12 podi, la metà dei quali sono primi posti.
Giuseppe Gibilisco ha dominato la finale del salto con l'asta e ha vinto l'oro eguagliando il record dei Giochi e alle sue spalle Giorgio Piantella ha preso il bronzo. Altri ori sono arrivati dalle staffette dei 4x100 m sia maschile sia femminile con Audrey Alloh, Ilenia Draisci, Jessica Paoletta, Micol Cattaneo e con Simone Collio, Davide Manenti, Jacques Riparelli, Michael Tumi.
Oro anche per Marzia Caravelli nei 100 m ostacoli, Matteo Galvan e Chiara Bazzoni nei 400 m.
Silvia Weissteiner ha ottenuto l'argento nei 5000 m femminili, Veronica Borsi lo ha preso nei 100 m ostacoli dietro la Caravelli e Maria Benedicta Chigbolu nel 400 m alle spalle della Bazzoni.
Ci sono poi i bronzi di Elena Romagnoli nella stessa gara della Weissteiner e di Nicola Vizzoni nel lancio del martello.

Oro anche nel ciclismo in linea su strada con Nicola Ruffoni e nel tiro a segno con Marco De Nicolo nella gara con la carabina a tre posizioni. Dopo il carico di medaglie della settima giornata nelle bocce, ne sono arrivate due anche nell'ottava con Mauro Roggero argento nel tiro progressivo maschile e Virginia Venturini bronzo nella stessa gara al femminile.

Il karate ha raccolto ben cinque medaglie: l'oro di Luca Maresca nella categoria 60 kg uomini e i bronzi di Selene Guglielmi (nella categoria 55 kg donne), Giorgia Gargano (50 kg donne), Laura Pasqua (61 kg donne) e Luigi Busà (75 kg uomini).
Altre tre medaglie arrivano dalla canoa e kayak: stiamo parlando dell'oro di Albino Battelli e Nicola Ripamonti nel K2 1000 m maschile, l'argento di Sofia Campana nel K1 500 femminile e il bronzo di Mauro Crenna nel K1 1000 m maschile.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail