Sport tradizionali - Il tamburello

Tamburello

Il tamburello è uno sport che trae le sue origini nella notte dei tempi. Sicuramente era uno sport già praticato nell'antica Roma e, ovviamente, si è diffuso grazie all'impero, conservando fino ad oggi una lunga tradizione che poi si diffusa anche nel resto del mondo. Diffuso principalmente in Italia e i Francia, il tamburello è anche inserito nei Giochi del Mediterraneo.

Il gioco avviene fra due squadre di cinque giocatori su un campo di circa 80 metri, diviso in due zone, separato da una rete, in modo analogo al Tennis, sport con il quale condivide molte regole. I campionati di tamburello in Italia sono organizzati dalla F.I.P.T. (Federazione Italiana Palla Tamburello).

Molte sono le varietà di questo sport, ecco come le riporta Wikipedia.
Il minitamburello ossia tamburello praticato prevalentemente in ambiente chiuso, come un palazzo dello sport o una palestra scolastica, si pratica su un campo ridotto e ogni squadra dispone di 8 giocatori dei quali 3 contemporaneamente in campo.

Il tambeach è praticato su sabbia quindi ovviamente si colpisce la palla sempre a volo.

Il tamburello a muro evidenzia la caratteristica comune del tamburello e altri sport sferistici che è il muro d'appoggio: è disciplina agonistica di squadra.

Il tambumuro è una specialità individuale: gli antagonisti in campo sono due.

Il tambutennis si pratica in doppio su un campo diviso da una rete simile a quella di tennis.

La palloncina è disciplina agonistica di squadra e le partite si disputano in due frazioni di gioco: la prima si svolge con regolamento di tamburello classico e la seconda con quello di tamburello a muro.

La pelota italiana si pratica in doppio su un campo con muro d'appoggio.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: