Atletica | Mondiali 2013: forfait di Blake, out anche Rudisha

La gara più attesa dei Mondiali di atletica continua a perdere i pezzi, ma questa volta fortunatamente non c’entra il doping. Oltre a Tyson Gay ed Asafa Powell, trovati positivi domenica scorsa, neppure Yohan Blake sarà al via dei 100 metri maschili. Lo sprinter giamaicano è il campione in carica e non potrà difendere il suo titolo, a causa di un infortunio alla coscia destra, subito lo scorso aprile a Kingston e che lo aveva già costretto a saltare i Trials.

L’annuncio è stato dato dal suo manager Cubie Seegobin: “Yohann ha fatto dei progressi – ha dichiarato – ma l’infortunio gli impedisce di raggiungere un livello di forma adatto per una competizione come i Mondiali”. Blake era diventato campione a sorpresa nel 2011 a Daegu, quando Gay e Powell erano assenti per infortunio ed era stato clamorosamente squalificato Usain Bolt, a causa di una falsa partenza.

Dunque, un altro importante avversario in meno per il campione olimpico, che vorrà cancellare il passo falso di due anni fa. Escludendo chi non ci sarà, l’attuale miglior tempo del 2013 è del giamaicano Nesta Carter (9”87), su cui però c'è un mistero legato alla possibile positività (smentita dal suo entourage), seguito dal 9”89 di Justin Gatlin del 21 giugno. La miglior performance di Bolt di quest’anno è il 9”94 del 21 giugno a Kingston, ma il re dello sprint sarà al pieno della forma solamente a Mosca.

Arriva anche un altro forfait, questa volta per gli 800 metri maschili: sarà assente David Rudisha, anche lui campione uscente. Il keniano si è infortunato ad un ginocchio a New York, lo scorso maggio, e non si è più rivisto in pista. “Abbiamo sperato in un miglioramento e c’è stato – ha confessato il suo allenatore Colm O’Donnellma non vogliamo aggravare l’infortunio, per accelerare la preparazione tra oggi ed i Mondiali”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail