Running - Attenzione alle tabelle

In queste settimane ho fornito qualche tabella di riferimento per allenarsi nelle ripetute o per i 10.000; però forse occorre fermarsi un po' a riflettere sull'approccio con cui accostarsi ad un programma di allenamento già pronto, che richieda un impegno maggiore di quello a cui siamo abituati, vuoi perchè ci alleniamo troppo blandamente, vuoi perchè il programma è effettivamente tarato per un livello più avanzato.

Un errore classico è pensare che basti adattare le proprie capacità fisiche e aerobiche (da intendersi come velocità al chilometro, velocità di soglia, ecc.) ad uno schema di lavoro che non è pensato per un amatore, o magari è pensato per un livello amatoriale che possiamo aspirare di raggiungere con almeno un annetto o due di lavoro.
E' il caso delle ripetute sui 1000 metri che solleticano le aspirazioni di miglioramento di chi corre 10 chilometri in non meno di un ora, ma a cui bisognerebbe stare molto attenti.

Sono molto diversi i carichi di allenamento fra un amatore e un atleta evoluto o un professionista.
Il background di entrambi è assai diverso e poi ci sono una serie di ragioni che portano l'amatore ad essere svantaggiato rispetto ad un campione nell'affrontare un programma impegnativo di allenamento:


  • L'amatore non può concedersi il lusso dell'allenamento bi-giornaliero; per di più, allenandosi talvolta per non più di 4 sedute a settimana non può effettuare lavori di qualità più di una volta ogni weekend, senza rischiare infortuni da sovraccarico.
  • L'amatore non ha un allenatore con cui consigliarsi in continuazione o un massaggiatore, visto che un buon fisioterapista non costa poco e le cure in caso di infortunio non sono proprio veloci.
  • L'amatore non può scegliere le ore migliori della giornata e si trova sempre a scegliere fra la mattina presto e la sera tardi, inoltre non ha palestre a disposizione per il rafforzamento muscolare.

Le tabelle proposte nelle scorse settimane comunque non sono tabelle da professionisti; quelle sulle ripetute possono tornare utili per inserirle in un programma strutturato sulle proprie capacità ma mi sento comunque di consigliare di fare attenzione ai sovraccarichi e a valutare con attenzione quale sia il proprio livello, per confrontarlo con il target del programma che vogliamo seguire, magari affidandoci al consiglio di un tecnico.

  • shares
  • Mail