Mondiali di nuoto Barcellona 2013, pallanuoto: Settebello, esordio facile con la Romania

Un esordio convincente e senza patemi. Il Settebello inizia la difesa iridata con un facile successo per 10-4 sulla Romania, nella prima giornata del torneo maschile ai Mondiali 2013 di Barcellona. La squadra di Campagna mette subito le cose in chiaro, segnando le prime quattro reti del confronto, poi controlla piuttosto agevolmente, fino alla sirena finale. Mercoledì c'è la Germania, nella sfida quasi certamente decisiva per il primato.

Pronti, via e l'Italia è subito avanti, con la rete di Aicardi dopo pochissimi secondi. Lo stesso centroboa della Pro Recco raddoppia in superiorità numerica, subito seguito da Felugo e Presciutti. Così, dopo meno di sei minuti, il punteggio è già su un tranquillo 4-0. Importanti soprattutto le risposte da punto di vista difensivo, con gli azzurri capaci di bloccare gli attacchi avversari e trovare anche qualche buon contropiede, come in occasione del gol di Gallo, in avvio di secondo periodo.

Scendono un po' la concentrazione ed il furore agonistico dei ragazzi di Campagna, così la Romania riesce a realizzare qualche rete, mantenendo il distacco tra tre e quattro reti. Comunque, il Settebello non rischia mai di farsi avvicinare pericolosamente dagli avversari e trova sempre la rete, per rispondere alle marcature romene. E, a mettere definitivamente la parola fine al confronto, c'è ancora Aicardi: sua la rete dell'8-4 a 3'38" dalla sirena, dopo due ottime difese azzurre in inferiorità numerica.

"Buona per il risultato, a tratti per il gioco. Mi è piaciuta soprattutto la solidità difensiva, per il portiere con questa luce è difficile vedere il pallone e per quello ha preso qualche gol da lontano - ha detto Sandro Campagna - In attacco troppo facile all'inizio, forse i ragazzi pensavano che ogni tiro era un gol, hanno tirato con poca convinzione e li abbiamo tenuti vicini, anche se mai pericolosi. Poi, nel quarto periodo, il risultato è stato netto, come è stato il gioco".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail