Basket Serie A mercato: Hackett verso l'addio a Siena, poker a Venezia

Daniel Hackett e Siena sono vicini al divorzio. La notizia è piuttosto clamorosa, se pensiamo che una decina di giorni fa era stato lo stesso giocatore a confermare la permanenza, ma al budget non si comanda e, per ragioni di bilancio, l'addio è vicino. "Venderemo Hackett o Moss, oppure entrambi - sono le parole di Ferdinando Minucci, n° 1 del club toscano, ad Eurohoops - Il nostro budget per la prossima stagione è ridotto".

E, secondo le indiscrezioni giunte dalla Toscana, proprio oggi ci sarebbe stato l'incontro tra il club campione d'Italia e l'azzurro, per comunicargli la volontà di venderlo, per fare cassa. Ed ora, dove andrà? "Europa o NBA", erano le alternative dette dal giocatore, nei giorni scorsi. In Italia solo Milano ha il potere economico per poterlo acquistare, ma appare difficile, mentre all'estero si parla di Barcellona, Vitoria (di Scariolo) o Kazan (di Trinchieri).

Intanto, i botti della giornata sono arrivati da Venezia. La Reyer ha annunciato addirittura quattro giocatori: Andre Smith, Donell Taylor, Hrovje Peric e Nate Linhart. Un poker di altissimo livello, che permetterà alla formazione lagunare di pensare in grande, forse addirittura alla lotta scudetto. Con questi acquisti, il club di Brugnaro ha annunciato la chiusura del roster per la prossima stagione, dopo gli arrivi dei giorni scorsi di Vitali, Giachetti ed Easley, oltre ai confermati Rosselli, Magro e Candussi.

Primo arrivo per la Virtus Bologna: la società bianconera ha annunciato l'accordo con la guardia Dwight Hardy, già visto nel nostro campionato con la maglia di Avellino. Manca solo l'annuncio ufficiale, invece, per la conferma di Joe Ragland a Cantù e per l'acquisto, sempre da parte della formazione brianzola, di Adrian Uter, centro pronto a firmare un contratto biennale.

Foto Alessia Doniselli

  • shares
  • Mail