L'alimentazione nel ciclismo

Pane, alla base dell'alimentazione L'alimentazione nel ciclismo è uno dei nodi fondamentali da affrontare perché è la base per l'apporto energetico che deve far fronte allo sforzo fisico. Prima di un grande evento, un giro lungo in bici od una gara, bisogna assicurarsi di assumere un regime alimentare ricco di carboidrati (la benzina per i muscoli) e zuccheri.

Durante la pedalata soli o col gruppo è d'obbligo rifornirsi di zuccheri per non far abbassare il livello del glicogeno nell'organismo, come ad esempio miele, marmellata o una banana. In questo modo si riesce a rimanere freschi e soprattutto vigili. Se invece non si presta attenzione e si brucia più del dovuto si andrà incontro alla "cotta" o comunemente conosciuta come "crisi di fame".

Il fisico in questa fase non riceve più zuccheri perché le scorte sono finite e pedalare è una tortura. Diverse volte mi è capitato e devo dire che è un vero e proprio incubo tornare a casa. Si ha un buco allo stomaco fortissimo, la gamba diventa legnosa e soprattutto non si "connette" con il cervello. Oltre alla fortissima emicrania ho avuto anche delle visioni in salita. Quindi calcolando che l'apporto calorico giornaliero medio di una comune persona è di 2400 K/cal e quando si pedala ne vengono bruciate anche 3000 o 4000 in un lungo giro.

Foto | Fugzu

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: