Basket | Europei Slovenia 2013: gli azzurri in coro "Ora non vogliamo fermarci qui"

Tra gli azzurri qualificati ai quarti di finale, c'è anche un giocatore mai sceso in campo, ma anima del gruppo: è Stefano Mancinelli. Il 'capitano non giocatore' della squadra di Pianigiani è rimasto in Slovenia con i compagni di squadra, anche dopo aver subito l'infortunio e sta vicino agli altri azzurri, trascorrendo con loro tutta la giornata. "Sono contentissimo di stare con i ragazzi - ha detto ad Outdoorblog - Mi spiace non poter dare una mano in campo, però quello che stanno facendo è davvero straordinario. Sono davvero felicissimo per questo grande risultato, sono davvero incredibili".

Un risultato inatteso e forse ancor più bello: "Abbiamo vinto cinque partite, ce la siamo giocata fino all'ultimo secondo contro la Slovenia ed una squadra esperta con la Croazia, ci può stare di perdere. Non potevamo certamente arrivare imbattuti fino alla fine dell'Europeo". Anche se c'era già qualcuno sceso dal carro azzurro: "Quando vinci cinque partite di fila tutti sono pronti a festeggiare - sono le parole di Alessandro Gentile - perdiamo due partite e si dice 'Era meglio ci fosse stato Gallinari o Hackett'. Questa è la mentalità classica del tifoso italiano. Noi andiamo dritti per la nostra strada: il carro è nostro e decidiamo noi chi sale o scende".

"Ora non vogliamo fermarci qui", sono le parole di Peppe Poeta. E Mancinelli garantisce per tutti: "C'è gente che pagherebbe per essere tra le prime otto e giocarsela per essere la prima. Ci siamo e dobbiamo essere orgogliosi di esserlo, perché non capita così spesso. Daranno il mille per mille per arrivare fino in fondo e qualificarsi ai Mondiali o vincere una medaglia". Comunque andrà, sarà stata un'occasione di crescita per il gruppo: "Mi sento a mio agio - chiude Gentile - Ci troviamo molto bene in questo gruppo, è un'esperienza che mi arricchisce molto". E, con una squadra con meno di 27 anni di media, il futuro potrà essere tinto d'azzurro.

LO SFOGO DI PIANIGIANI: "NESSUN REGALO, AVANTI DALLA PORTA PRINCIPALE"

  • shares
  • Mail