Retrorunning - Un nuovo modo di correre

Retrorunning

Correre all'indietro non è più solo un modo di giocare dei bambini, ma è un vero e proprio sport che gode anche di competizioni organizzate e di speciali sezioni durante normali corse di running. Si chiama retrorunning e, a detta di molti esperti, è innovativa e molto salutare.

Sul sito Retrorunning.it potete trovare molte indicazioni su come svolgere questo tipo di attività, in particolare un'interessante elenco in 30 punti per cui la corsa all'indietro è un ottimo sport, teorie presentate da Stefano Morselli, ex primatista mondiale sui 400 mt. 1'16"92 (2002) - 800 mt. 2'57''32 (1995) - 3000 mt. 12'48''(1996). Senza dimenticare che a Settembre i Campionati Mondiali di Retrorunning si svolgeranno in Italia, a Pietrasanta.

Ecco il parere di un esperto di educazione fisica:


Questo nuovo modo di correre annuncia le primizie di una nuova civilizzazione. Invertire l'atto più fondamentale e più frequente dell'uomo, la marcia o la corsa equivale a toccare la sua essenza. Toccarci in senso inverso provoca uno sconvolgimento senza precedenti. La posizione dell'indietreggiamento integrato nelle nostre celle, il campo di visione inverso ci portano a vedere nel senso vivace del termine, che i nostri comportamenti più correnti non sono stati scelti, ma presi in prestito a schemi sociali che ci hanno impegnati. Per chi si augura di andare avanti, questo indietreggiamento procurato dalla corsa all'indietro è un iniziazione la cui importanza è alla misura della sua semplicità. Non c'è niente di più efficace di questo semplice esercizio che modificherà il nostro sguardo posato su tutte le cose. Può cambiare i nostri rapporti umani, il nostro rapporto con il denaro, la nostra concezione del tempo ed a livello sociale di cambiare l'urbanismo, i nostri sistemi di trasporto e di scambi ecc... Nel momento in quale si gioca davanti ai nostri occhi una mutazione umana senza precedenti l'avvento della corsa all'indietro, se è praticata in quanto esercizio educativo dei nostri cambiamenti di percezione, si può fare oscillare le certezze che alimentano la fuga in avanti generalizzata. L'indietreggiamento fisico dei nostri corpi è, meglio che i discorsi, capace di generare una chiamata in causa fondamentale delle nostre attitudini più correnti ed indurre un'evoluzione sociale nella misura dell'urgenza e della gravità dei problemi contemporanei.

Patrick Baronnet
Professore di Educazione Fisica e Sportiva

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: