Volley maschile, Cev Champions League: Trento schiacciasassi in casa dell'Arkas Izmir

Ordinaria amministrazione in Turchia per gli uomini di Roberto Serniotti.

Forse l'essenza dell'atteggiamento e del cuore della Diatec Trentino sta tutto in una frase che il capitano Emanuele Birarelli ha detto ai suoi durante un time-out chiamato dall'Arkas Izmir con i gialloblù avanti di due set a zero e di 13-6 nel terzo parziale: "Forza ragazzi, non concediamo nulla, mi raccomando". E in effetti la squadra allenata da Roberto Serniotti ha concesso poco e niente agli avversari, fina dai primissimi palloni.

Trento è scesa in campo con il solito sestetto con Suxho in regia, Sokolov opposto, Birarelli e Solé al centro e Lanza e Ferreira di banda, più Colaci libero. Una squadra che stupisce ogni volta per quanto è diversa nei nomi da quella degli anni passati e dei grandi trionfi (in pratica dei titolari è rimasto solo Bira) e quanto è simile per lo spirito e la grinta, tanto da riuscire a trovare gli stimoli anche da prima indiscussa del proprio girone, in un palazzetto semivuoto in Turchia.

I gialloblù sono partiti subito sul piede di guerra mettendo a segno un immediato 6-0 nel primo set. L'Arkas ha chiamato il time-out discrezionale già sullo 0-5, ma al rientro in campo ha incassato un altro punto e poi ha finalmente segnato il primo, accolto da fragorosi applausi come se fosse stato quello della vittoria. Trento ovviamente non si è fermata, è arrivata al primo time-out tecnico sulla'8-2 e al secondo sul 16-10, poi ha ottenuto dieci palle set e se ne è fatta annullare solo una prima che Ferreira fissasse il punteggio sul 25-15.

Nel secondo set i turchi sono sembrati un po' più reattivi, ma sono stati poco continui, tutto il contrario di Trento, che pur ritrovandosi a tratti con i padroni di casa a -1 sono sempre riusciti a trovare l'allungo vincente e allora ecco che sono arrivati sulla'8-5 alla prima pausa obbligatoria e sul 16-12 alla seconda, poi quattro palle set e una sola annullata per il 25-21 finale.

Nel terzo set partenza sprint per Trento come nel primo parziale. I gialloblù sono andati avanti 5-0, poi 8-3 al primo time-out tecnico, 16-7 al secondo e infine ben undici palle match. Birarelli non ha dato agli avversari nemmeno il tempo di annullarne una e ha chiuso il set sul 25-13 e la partita su un nettissimo 3-0.

Questa sera tocca alla Lube Banca Marche Macerata che nel proprio palazzetto deve affrontare avversari di tutt'altro calibro: i campioni d'Europa e vice-campioni del mondo del Lokomotiv Novosibirsk.

Cev Champions League, Arkaz Izmir - Trentino Diatec | Tabellino


Arkas Izmir - Trentino Diatec

0-3 (15-25, 21-25, 13-25)

Arkas Izmir: Sivula 9, Perrin 10, Kamnik 2, Gulmezoglu 2, Urnaut 5, Dunge, Yesilbudak (L); Koc 5, Gokgoz, Capkinoglu. N.e. Ramazanoglu e Yucel. All. Glenn Hoag

Trentino Diatec: Lanza 9, Birarelli 7, Suxho 1, Ferreira 17, Solé 11, Sokolov 15, Colaci (L); Szabò 1. N.e. Sintini, De Paola, Fedrizzi e Burgsthaler. All. Roberto Serniotti

Arbitri: Micevski di Stip (Macedonia) e Alyev di Baku (Azerbaijan)
Durata set: 23’, 26’, 20’; tot 1h e 9’
Spettatori: 1.000 circa
Arkas Izmir: 5 muri, 2 ace, 11 errori in battuta, 5 errori azione, 33% in attacco, 63% (56%) in ricezione
Trentino Diatec: 8 muri, 2 ace, 11 errori in battuta, 4 errori azione, 61% in attacco, 79% (76%) in ricezione

Foto © CEV

  • shares
  • Mail