Ciclismo, Fabian Cancellara tenterà il record dell'ora nel 2014

Il record attuale è quello stabilito dal ceco Ondřej Sosenka nel 2005: 49 km e 700 metri.

Un campione come Fabian Cancellara è sempre alla ricerca di nuovi stimoli e allora ecco che per il prossimo anno, oltre a tentare nuovamente la conquista delle grandi classiche di primavera, proverà a migliorare il record dell'ora che dal 2005 appartiene al ceco Ondřej Sosenka che lo ha fissato a 49 km e 700 metri.

Sosenka lo ha strappato a Chris Boardman che nel 2000 aveva corso 49 km e 441 metri e che in passato era riuscito a fare anche meglio (56 km e 375 m), ma non con una bicicletta tradizionale e proprio nel 2000 l'Uci ha cancellato tutti i record stabiliti negli anni '80 e '90 con bici speciali. Sotto la scure dell'Unione ciclistica internazionale sono dunque stati annullati i record di grandi nomi del ciclismo come Francesco Moser, Miguel Indurain e Tony Rominguer, considerati solo "Migliori prestazioni umane sull'ora", mentre venne ripristinato come vero record quello di Eddy Merckx che nel 1972 aveva corso 49 km e 432 metri. Boardman non si diede per vinto e prima di ritirarsi si reimpossessò del record e dopo di lui solo Sosenka è riuscito a migliorarlo.

In seguito sono stati tanti i tentativi di correre più di 49 km e 700 m, ma soprattutto da parte di atleti poco noti che volevano semplicemente richiamare l'attenzione su questo record o promuovere qualche iniziativa benefica. L'ultimo è stato sabato scorso il lombardo Jarno Sala, ex calciatore del Varese in C2, ora insegnante di spinning, che al velodromo di Montichiari ha provato a battere il primato, ma ha corso solo 39 km e 985 metri, ma ha raccolto fondi per la Onlus "Fondazione Magica Cleme" che collabora con l'ospedale San Gerardo di Monza e con l'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano.

L'anno prossimo, però, il record di Sosenka sarà seriamente in pericolo perché Fabian Cancellara è certamente in grado di batterlo. Da domani la Trek (la situazione societaria e dunque il nome della RadioShack Leopard come è noto sono cambiati) si riunirà per quattro giorni di team building e si comincerà a programmare la stagione 2014 che per il fortissimo ciclista svizzero dovrebbe includere anche il tentativo di migliorare il record dell'ora. Il suo allenatore e team manager Luca Guercilena ha detto alla Gazzetta dello Sport che occorre prima di tutto fare il punto con gli ingegneri della Trek sui materiali da utilizzare per la bicicletta, considerato le regole dell'UCI, poi bisogna individuare il periodo migliore e il velodromo in cui correre.

Per quanto riguarda il periodo, deve essere quello immediatamente successivo al picco di forma di Cancellara, ma ci vogliono almeno tre settimane affinché si abitui alla pista dopo le prove su strada. I mesi migliori potrebbero essere aprile-maggio, dopo le classiche di primavera in cui Spartacus dà sempre il meglio di sé, oppure dopo il primo dei due grandi giri a cui parteciperà. A differenza dell'anno scorso, infatti, in cui abbiamo visto Cancellara solo a mezza Vuelta per preparare il Mondiale, nel 2014 pare che sia in programma la sua partecipazione oltre che alla gara spagnola anche a un'altra corsa da tre settimane, o il Giro d'Italia o il Tour de France. A questo punto il tentativo del record dell'ora slitterebbe a giugno inoltrato o ad agosto a seconda di quale giro sceglierà.

Il velodromo potrebbe essere quello di Manchester, lo stesso in cui il 27 ottobre 200 Chris Boardman stabilì il suo record, oppure sono in lizza anche quello di Aguascalientes in Messico, di Anadia in Portogallo o di Grenchen in Svizzera, dove Spartacus giocherebbe in casa, ma Guercilena ha detto che essendo un impianto nuovissimo occorre valutarlo con attenzione.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: