Volley, Grand Champions Cup: una strepitosa Italia batte la Russia 3-1

Gli azzurri hanno battuto i campioni olimpici e d'Europa, favoriti per questo trofeo.

E rivincita fu. Certo, la partita di stamattina è molto meno importante di una finale europea, ma dice molto sulle potenzialità della nazionale italiana di pallavolo maschile, arrivata in Giappone dopo tutte le altre per giocare questa Grand Champions Cup 2013 e tuttavia capace di battere nel primo match i campioni d'Europa in carica, quelli che il 29 settembre avevano battuto gli azzurri nella finale per l'oro europeo.

La Russia, favorita numero uno per questa competizione intercontinentale tra sei delle più forti nazionali al mondo, ha dovuto cedere agli azzurri in quattro set. Partita difficile, come è ovvio che fosse, con due parziali finiti ai vantaggi, ma che non ha avuto bisogno del tie-break per essere decisa. E per la cronaca, i due set più lunghi se li è accaparrati l'Italia, segno di uno straordinario carattere di questa nazionale, nonostante sia la più giovane tra le sei partecipanti.

L'Italia è scesa in campo con il sestetto titolare composto da capitan Birarelli al centro con Matteo Piano, Travica al palleggio con Zaytsev opposto, di banda Kovar con Lanza più Rossini libero e durante il match è cambiato molto poco, giusto un breve inserimento di Dolfo nel terzo set e Beretta nel quarto. Visto che le partite sono ravvicinate, Berruto vuole sfruttare tutti i suoi uomini e probabilmente il sestetto cambierà per ogni match, come d'altronde è successo anche agli Europei.

Voronkov ha risposto con Grankin in regia, Spiridonov opposto, Pavlov e Sivozhelez di banda, Apalikov e Muserskiy centrali più Ermakov libero e quest'ultimo è l'unica novità rispetto al sestetto che ha battuto gli azzurri un mese e mezzo fa.

L'Italia è partita subito forte andando sul 2-0, aggiudicandosi il primo set 28-26 e il secondo 25-20 in meno di un'ora, poi ha ceduto il terzo 19-25, ma nel quarto ecco l'immediata ripresa con un risultato strappato nuovamente ai vantaggi 27-25. In poco meno di due ore i ragazzi di Mauro Berruto hanno messo a tacere i campioni di Andrei Voronkov con una differenza totale di 99-96 punti.
Best scorer del match è stato Ivan Zaytsev con 20 punti, mentre il russo Muserskiy, Mvp degli Europei, si è fermato a 17 punti. Bene anche Lanza con 13 e Birarelli e Kovar con 9 punti a testa.

Appena arrivato in Giappone, Zaytsev, commentando il fatto che quando loro giocano in Italia sono le quattro del mattino, ha detto:

“Speriamo di riuscire a darvi un bel buongiorno non appena vi sarete svegliati e andrete a cercare il risultato della nostra partita”

Be', stamattina è proprio un bel buongiorno.

Grand Champions Cup: Italia - Russia 3-1 | Tabellino

Italia - Russia 3-1 (28-26, 25-20, 19-25, 27-25)

Italia - Piano 7, Zaytsev 20, Lanza 14, Birarelli 8, Travica 3, Kovar 9. Rossini (L). Beretta 2, Dolfo. Ne: Baranowicz, Vettori, Sabbi. All. Berruto

Russia - Apalikov 7, Grankin 2, Sivozhelez 5, Pavlov 11, Spiridonov 12, Muserskiy 18. Ermakov (L). Ilinykh 7, Mikhailov 6. Ne: Ashchev, Makarov, Golubev (L), All. Voronkov

Arbitri: Loderus (Ned) e Wang (Chn)
Durata set: 29, 25, 24, 30
Italia: bs 15, a 4, mv 8, e 13.
Russia: bs 21, a 3, mv 6, e 15.

Mvp: Dragan Travica

Foto © FIVB

  • shares
  • Mail