Volley, Grand Champions Cup 2013: Italia fermata dall’Iran al tie-break

Pur mettendo a segno più punti degli avversari gli azzurri sono stati battuti dagli uomini di Velasco.

Il muro dell’Iran ha bloccato gli azzurri di Mauro Berruto, usciti sconfitti dal lungo e faticoso match di stamattina a Kyoto dagli uomini di Velasco.

Nonostante l’Italia fosse reduce dalla bella e importante vittoria di ieri contro la Russia e gli iraniani invece dalla sconfitta contro il Brasile, e nonostante gli azzurri siano storicamente superiori (quattro vittorie e una sconfitta nei cinque precedenti) è anche vero che quest’anno avevamo già avuto prova in World League della capacità di questa squadra di mettere in difficoltà i nostri giocatori, le cui qualità restano indubbiamente eccellenti.

Alla fine, in realtà, gli azzurri hanno messo a segno più punti dell’Iran (109-105, ieri avevano vinto con uno scarto di sole tre lunghezze), ma come ben sappiamo nel volley questo non conta, così come non conta il fatto che mentre l’Iran ha vinto tutti i suoi set con il minimo scarto l’Italia ne ha vinto uno, il secondo, con un +9 finale. Ma quello che conta è quanti set vinci, e purtroppo l’Iran oggi ne ha vinto uno di più.

Uno degli elementi che ha fatto la differenza è costituito dai muri di Mohammad Mousavi, che da solo a messo a segno 17 punti (come Jiri Kovar), ma otto sono block vincenti contro i quali si è infranto l’attacco azzurro.

Come aveva promesso prima di partire, Berruto oggi ha mischiato un po’ le carte e ha cambiato la formazione giocando con Baranowicz al palleggio e lasciando Travica (MVP del match di ieri) in panchina senza farlo mai entrare. Zaytsev ha giocato per tre set e mezzo prima di lasciare il posto a Vettori, mentre al centro con capitan Birarelli oggi ha giocato Beretta e non Piano (che è entrato solo per qualche minuto nel quarto parziale), mentre di banda il ct ha schierato Kovar e Lanza.

La partita è iniziata subito con un set molto duro che l’Iran ha vinto ai vantaggi (26-24), poi gli azzurri si sono subito ripresi conquistato nettamente il secondo parziale (25-16), ma hanno ceduto nuovamente nel terzo 25-23 per poi pareggiare con un 25-23 a loro favore nel quarto e giocarsi tutto al tie-break dove però gli iraniani hanno avuto la meglio 15-12.

Dopo la partita Julio Velasco, ct dell’Iran cui gli italiani sono indubbiamente legati dal suo passato alla guida della più forte nazionale azzurra di tutti i tempi, ha trovato la chiave tattica del successo dei suoi ragazzi nella migliore prestazione al servizio e in ricezione. In effetti l’Iran è riuscito a ricevere anche le battute più forti e potenzialmente pericolose di Birarelli e compagni e questo ha contribuito alla loro frustrazione.

Mauro Berruto si è subito congratulato con gli avversari e ha detto che ormai lo sa che con loro è sempre una battaglia, perciò è una squadra che rispetta molto e che ammira per il modo di giocare, tanto che, ha detto il ct azzurro “dobbiamo imparare dalla loro voglia di mostrare sempre il meglio”. Poi Berruto ha aggiunto che il significato di questo torneo è di permettere ai nostri giocatori più giovani di fare esperienza in vista delle competizioni ben più importanti che ci aspettano prossimamente.

Il capitano Emanuele Birarelli ha anch’egli elogiato gli avversari dicendo che sapeva che sarebbe stata una partita dura perché l’Iran è un’ottima squadra, ha anche ammesso di sentirsi un po’ in colpa per il terzo set, perché ha commesso due errori in attacco in momenti del match molto importanti e ha aggiunto che essendo il più maturo del gruppo azzurro non deve più capitargli di sbagliare così, ma chiaramente c’è subito una nuova occasione per riscattarsi.

Il prossimo appuntamento degli azzurri è venerdì mattina, sempre alle 4:10, contro gli Usa.

Grand Champions Cup: Italia - Iran 2-3 | Tabellino

Italia - Iran 2-3 (24-26, 25-16, 23-25, 25-23, 12-15)

Italia: Zaytsev 13, Lanza 16, Beretta 8, Baranowicz 4, Kovar 19, Birarelli 7, Rossini (L). Piano, Vettori 15, Dolfo. Ne: Travica, Sabbi. All. Berruto

Iran: Mahmoudi 17, Mousavi 15, Marouf 1, Zarini 5, Ghaemi 9, Gholami 7, Zarif (L). Mobasheri 4, Mirzajanpour 5, Mahdavi, Davoodi 1. Ne: Tashakori. All. Velasco

Durata set: 28, 24, 28, 29, 17
Italia: bs 21, a 9, mv 11, e 18
Iran: bs 14, a 8, mv 14, e 13
MVP: Adel Gholami

  • shares
  • Mail