Volley maschile: Bruninho torna a Modena, ma è festa per tutta la Serie A1

Casa Modena annuncia il ritorno in gialloblù di uno dei più forti palleggiatori del mondo.

Una buona notizia per i tifosi di Casa Modena, ma sicuramente anche per tutti gli appassionati di volley in generale: dalla prossima giornata di Serie A1 maschile fino alla fine della stagione, avremo il piacere di ammirare Bruno Mossa De Rezende nel nostro campionato.

Il palleggiatore brasiliano è uno dei più forti al mondo (se diciamo IL più forte non sbagliamo). Due anni fa andò proprio a Modena solo per i Play Off e cambiò il volto alla squadra. Quest'anno i gialloblù hanno un'ottima squadra che però non si è ancora espressa su buoni livelli e ha spesso trovato la sconfitta al tie-break.

Bruninho è certamente un giocatore in grado di trasformare in meglio la formazione allenata da Angelo Lorenzetti e di valorizzare al massimo un opposto come Zgbigniew Bartman, ma anche il centrale italiano Thomas Beretta che tante ottime capacità ha dimostrato durante gli Europei durante i quali ha vinto la medaglia d'argento da protagonista pur arrivando dalla Serie A2.

Il palleggiatore brasiliano è la ciliegina sulla torta per i tifosi di Modena, abituati al grande volley e che già lo hanno potuto ammirare due anni e mezzo fa quando aveva ancora 24 anni. Ora torna con molta esperienza in più sulle spalle, nell'anno che porta ai Mondiali (nel 2010 in Italia vinse l'oro).

Il figlio d'arte, i suoi genitori sono Bernardo de Rezende (che allenò proprio Modena nel 92-93) e l'ex pallavolista Vera Mossa, ha spiegato su Facebook perché ha dovuto lasciare il Rio de Janeiro, pur ammettendo che il Brasile sarà sempre la sua prima scelta. La squadra è purtroppo in forte crisi e finora ha pagato un solo stipendio, i giocatori, soprattutto quelli di altissimo livello come il palleggiatore 27enne, ben sapendo che le carriere da atleti sono bevi non sono rinunciare per un'intera stagione ai loro diritti di professionisti.

Bruninho, che meno di due mesi fa da capitano verdeoro ha vinto la Grand Champions Cup (e il premio individuale come miglior palleggiatore), è stato anche molto polemico su come il suo Paese il volley, secondo sport nazionale e capace di conquistare più medaglie olimpiche e mondiali di qualsiasi altro sport in Brasile, e ha ricordato che tra due anni ci saranno le Olimpiadi in casa perciò occorre impegno per migliorare le situazione degli sport considerati "minori" rispetto al calcio. Domenica 5 gennaio arriverà a Modena e lunedì 6 ci sarà la presentazione ufficiale.

Foto © FIVB (Bruninho con il padre Bernardinho alla cerimonia di premiazione della Grand Champions Cup)

  • shares
  • Mail