Ciclismo, Davide Cassani è il nuovo ct della nazionale. L'accordo a casa di Alfredo Martini

Entro gennaio arriverà l'investitura ufficiale del Consiglio Federale.

È ufficiale: Davide Cassani è il nuovo ct della nazionale italiana di ciclismo. La notizia era praticamente certa già dal giorno successivo alle dimissioni di Paolo Bettini e il diretto interessato non ha mai nascosto il suo entusiasmo per questa investitura, oggi che non ci sono più dubbi è al settimo cielo.

Cassani ha pranzato con il Presidente della Federazione ciclistica italiana Renato Di Rocco non in un luogo qualunque, ma a Sesto Fiorentino, a casa di Alfredo Martini, il grande ct della nazionale prima dell'avvento di Franco Ballerini, colui che proprio su Cassani faceva affidamento come suo regista.

Martini, che della Federciclismo è presidente onorario, ha dato la sua benedizione all'accordo tra Di Rocco e Cassani e ora manca solo la conferma del Consiglio Federale che sarà convocato entro la fine di gennaio e che comunque è solo una formalità perché praticamente da Statuto il Presidente decide la nomina del ct.

Renato Di Rocco, dopo l'incontro di oggi con Cassani, ha detto:

"In un'atmosfera di grande familiarità, complice anche l’ospitalità ricevuta da parte del presidente onorario Alfredo Martini, posso confermare l’investitura al ruolo di commissario tecnico della nazionale di Davide Cassani. Ci sono così tutti i presupposti per iniziare un nuovo capitolo ed una nuova avventura dove sarà sempre più forte il legame e il senso di appartenenza alla maglia azzurra. Le competenze di Davide Cassani, la sua disponibilità nel ricoprire questo ruolo e il suo entusiasmo sono di ottimo auspicio per iniziare a lavorare sulla base di una progettualità”

Cassani, felicissimo, prima dell'incontro ha ricordato sul suo account Twitter che proprio oggi suo padre avrebbe compiuto 81 anni e che quando faceva il camionista il suo nome radio era "Davide azzurro" e nei giorni scorsi ha sottolineato quanto ha tenuto alla maglia azzurra per tutta la sua carriera, avendo la possibilità di vestirla nove volte, ma ammirandola allo specchio ogni volta che la indossava, emozionandosi.


Ora Davide Cassani guiderà la sua nazionale dall'ammiraglia, alla ricerca di nuovi traguardi, di un nuovo regista (Paolini, regista di Bettini, non vestirà più l'azzurro), di nuove avventure. Intanto martedì prossimo incontrerà il direttore di RaiSport, Mauro Mazza, con il quale cercherà di capire se la collaborazione con la tv con cui ha lavorato per 18 anni andrà avanti anche ora che è il ct della nazionale. L'ipotesi è che resti come opinionista per gli eventi più importanti (Giro d'Italia e qualche classica), mentre Silvio Martinello passerebbe al fianco di Francesco Pancani per le telecronache.

Foto © Germogli per Ufficio Stampa Fci

  • shares
  • Mail