Lara Gut bronzo in discesa libera a Sochi 2014

La 22enne svizzera è alla sua prima Olimpiade.

Lara Gut è riuscita a conquistare la sua prima medaglia olimpica: l'ha raggiunta in discesa libera ed è un bronzo. La svizzera è arrivata dietro alla connazionale Dominique Gisin e alla slovena Tina Maze, che hanno conquistato l'oro a pari merito.

Lara Gut bronzo in discesa libera
Bianco

Chi è Lara Gut


Per Lara Gut Sochi 2014 è la sua prima Olimpiade. Nel 2010, infatti, ha dovuto saltare con grande dolore i Giochi di Vancover a causa di un infortunio all'anca destra e ora arriva in Russia desiderosa di prendersi quello a cui ha dovuto rinunciare quattro anni fa.

La 22enne svizzera è attualmente leader della classifica di SuperG, specialità in cui l'anno scorso ha vinto l'argento ai Mondiali di Schladming e in cui in questa stagione, in Coppa del Mondo, ha vinto a Beaver Creek, a Lake Louise e a Cortina d'Ampezzo.

Ma questa giovane atleta del Canton Ticino è bravissima anche nelle altre discipline, di recente l'abbiamo vista vittoriosa nello Slalom Gigante si Soelden (e poi seconda in Val d'Isère) e nella discesa libera di Beaver Creek (mentre a Cortina è arrivata quarta).

Ai Mondiali, oltre all'argento di Schladming 2013, ha conquistato medaglie dello stesso valore in SuperCombinata e in discesa libera in Val d'Isère nel 2009, mentre nel 2011 a Garmisch-Partenkirchen sia in discesa sia in SuperG si è fermata proprio ai piedi del podio.
A Schladming ha preso parte anche alle gare di Slalom Gigante (settima) e di discesa (sedicesima), mentre non è riuscita a portare a termine la SuperCombinata, proprio come era successo due anni prima a Garmisch-Partenkirchen.

In Coppa del Mondo l'anno scorso è arrivata nona in classifica generale, quinta in quella della discesa libera, sesta nello Slalom Gigante, decima in SuperG e quarta nella SuperCombinata.

Lara Gut è stata la più giovane atleta a vincere una gara di Coppa del Mondo di SuperG nel 2008 a St. Moritz, quando aveva solo 17 anni e 7 mesi. In quel periodo cominciò anche a polemizzare con la nazionale svizzera che convocava atlete 30enni che non avevano alcune possibilità di vittoria nelle competizioni internazionali. Lara si è poi creata un team tutto suo perché, ha detto a Sportweek, lavora meglio da sola. Infatti ha spiegato:

"Lo sci è l'unico sport individuale in cui ci si allena in squadra. Trovo molto difficile gestire lo spirito di gruppo quando, in realtà, siamo tutte una contro l'altra. È importante anche sapere che le persone con cui lavoro sono per me al 100%, senza doverle dividere con altre 15 persone. Questa scelta all'inizio ha creato attriti con la squadra e l'opinione pubblica. Anche perché nessuno si è preso la briga di capire le mie ragioni, era più facile criticare e sostenere che volessi fare la viziata"

L'unico altro atleta nel Team di Lara Gut è suo fratello Ian, che le fa da sparring-partner soprattutto negli allenamenti estivi, mentre il padre Pauli è il loro allenatore.

Una curiosità: Lara Gut nel 2012 ha recitato nel film Tutti giù di Niccolò Castelli nei panni di Chiara, una giovane atleta alle prese con la grande pressione dovuta al fatto di svolgere attività agonista ad alti livelli.

Nel video in apertura il SuperG vinto da Lara Gut a Beaver Creek in questa stagione, qui di seguito una fotogallery e poi il trailer del film in cui ha recitato.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail