L'abbigliamento SKINS a compressione muscolare

Ricordo che la prima volta che ho sentito parlare di abbigliamento a compressione muscolare giravo per i corridoi del Decathlon; allora si trattava solo di un paio di fuseaux per il running invernale, dotati di bande per la compressione di alcuni fasci muscolari.

SKINS è un'azienda australiana di abbigliamento sportivo che ha fatto suo questo principio, per cui sembra che i muscoli “fasciati” migliorino la performance dell’atleta; infatti è confermato anche da alcuni studi universitari che capi forzatamente avvolgenti aumentino le prestazioni atletiche grazie ad una maggiore irrorazione sanguigna capillare, un aumento del ritorno venoso, con conseguente riduzione dell’indolenzimento dei muscoli nel post-esercizio e una eliminazione più rapida dell’acido lattico.

La tecnologia usata da questo brand si chiama BioAcceleration ed è presente nell'intera collezione dei suoi prodotti.
Dando un'occhiata al sito potete ovviamente trovare pantaloni e maglie di tutte le taglie con fuseaux lunghi, corti, trequarti e maglie con maniche lunghe, corte e canotte, il tutto sia per uomo che per donna.

In tutto ci sono sei famiglie di prodotti SKINS: linea sport, linea donna, linea junior, linea neve, linea viaggi e recupero, e last-but-not-least, linea outdoor.

Di queste l'idea della linea viaggi e recupero, quella cioè di un'abbigliamento dedicato specificatamente al recupero fisico durante le trasferte tra una gara e l’altra o dopo gli allenamenti più pesanti, mi è sembrata originale, ma aspetterei di provarla prima di giudicarla.
Invece quella outdoor in stile mimetica mi è sembrata ... beh, un po' ridicola, ma il mio è solo un giudizio estetico.
Voi che ne pensate, ad una prima occhiata?

  • shares
  • Mail