Sochi 2014, Carolina Kostner su Facebook: "Cercherò di fare del mio meglio"

Dopo il Team Event Carolina è tornata ad allenarsi a Oberstdorf, da oggi è di nuovo a Sochi.

Mercoledì 19 febbraio prende il via una delle gare più attese delle Olimpiadi di Sochi 2014, quella di pattinaggio di figura individuale femminile. Questo sport in Italia fa rima con Carolina Kostner, la nostra pattinatrice più forte di sempre che dovrà fare i conti con le "bambine" russe Yulia Lipnitskaia e Adelina Sotnikova e con l'oro e l'argento di Vancouver, Kim Yuna e Mao Asada.

Come lei stessa ha spiegato agli oltre 95mila fan sul suo profilo Facebook, mercoledì Carolina si esibirà per seconda dell'ultimo gruppo, quello delle più forti. Scenderà dunque sul ghiaccio subito dopo la campionessa europea in carica, Yulia Linitskaya, la quindicenne che in queste Olimpiadi ha già vinto un oro, quello della gara a squadre e che vedremo pattinare sulle note di You Don't Give Up on Love di Mark Minkov.

Tutto su Carolina Kostner e i video delle sue esibizioni più belle

Dopo Carolina, che presenta nuovamente il suo programma corto con la musica dell'Ave Maria di Franz Schubert, sarà la volta dell'americana Ashley Wagner, della francese Mae Berenice Meite, poi la vicecampionessa d'Europa, la russa Adelina Sotnikova sulle note di Habanera della Carmen di Bizet, e infine la giapponese Mao Asada che ha scelto il Notturno in do minore di Chopin.

La campionessa uscente, la coreana Kim Yuna, sarà la quinta del terzo gruppo e come musica ha scelto Send in the Clowns del musical A Little Night Music (adattamento del film Sorrisi di una notte d'estate di Ingrid Bergman). Sul fatto che Yuna, che dopo Vancouver ha preso un anno sabbatico, sia la stessa di quattro anni fa ci sono molti dubbi, perciò, considerato quanto fatto vedere all'Europeo e al Team Event, la principale candidata all'oro sembrerebbe Yulia Lipnitskaia, che è anche la beniamina di casa, più della Sotnikova.

Alcune delle protagoniste della gara di mercoledì si sono esibite anche nel programma corto della gara a squadre (cui erano invitate solo dieci nazioni) con gli stessi programmi e in quel caso la Lipnitskaia ha raccolto 72.90 punti, Carolina Kostner 70.84 (record italiano raggiunto proprio nel giorno del suo 27° compleanno), poi Mao Asada con 64.07 e via via tutte le altre. Non c'era Kim Yuna perché la Corea non era tra le squadre prescelte dagli organizzatori.

Nel programma lungo, invece, con sole cinque nazioni rimaste in gara, il Giappone ha schierato Akiko Suzuki, la Russia ancora la Lipnitskaia che ha totalizzato 141.51. Seconda in quel caso è stata la statunitense Gracie Gold con 129.38 e terza la nostra Valentina Marchei con 112.51.
Mercoledì la Marchei è inserita nel quarto gruppo e sarà la terza dopo la svedese Viktoria Helgesson e la giapponese Kanako Murakami e prima dell'americana Gracie Gold, della cinese Zijun Li e dell'altra giapponese Akiko Suzuki. L'azzurra si esibirà sulle note di Torna a Surriento.

Carolina Kostner a Sochi 2014 nell'Ave Maria di Schubert

Ecco il post su Facebook con il quale Carolina Kostner ha annunciato quando si esibirà, promettendo di fare il suo meglio e spiegando anche di essere tornata oggi a Sochi con la sua coreografa Lori Nichol dopo essersi allenata per qualche giorno a Oberstdorf, il luogo in cui vive e si allena ormai da anni e dove si è rifugiata anche subito dopo la gara a squadre.


© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail