Sochi 2014, doping: l'azzurro Frullani trovato positivo

OLY-2014-BOBSLEIGH-FOURMAN-TRAINING Arriva (purtroppo) il doping alle Olimpiadi di Sochi 2014. In mattinata si era sparsa la voce della positività della biathleta tedesca Evi Sachenbacher-Stehle, subito esclusa dalla staffetta femminile, mentre nel pomeriggio è arrivato un caso che ha coinvolto anche l’Italia. Come annunciato dal comunicato stampa del Coni, William Frullani è stato trovato positivo alla dymetylpentylamine, in un controllo effettuato al villaggio olimpico il 18 febbraio. L’azzurro era uno dei componenti della squadra di bob a questa rassegna a cinque cerchi.

L'atleta ha chiesto le controanalisi, che sono state effettuate oggi pomeriggio ed hanno confermato la positività, determinando la sua esclusione dalla delegazione italiana. Frullani doveva essere tra i protagonisti della formazione azzurra nella prova di Bob a 4, in programma domani e domenica nelle due giornate conclusive di Sochi 2014, ed il Coni ha chiesto ed ottenuto dal Cio la sostituzione con Samuele Romanini, designato come riserva in avvio di questa Olimpiade.

Frullani è solamente da due anni nella squadra di bob, visto che precedentemente è stato azzurro nelle prove multiple nell’atletica. Dopo aver iniziato da bambino con il salto in alto, è nel decathlon dove si mette principalmente in luce: quattro volte campione italiano (2001, 2006, 2010 e 2012) e bronzo agli Europei Under 23 nel 2001, con due partecipazioni anche alla rassegna continentale senior. E’ tuttora detentore del primato nazionale di Eptathlon (5.972 punti).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail