Atp Rio de Janeiro 2014: Nadal e Dolgopolov in finale, sconfitti Andujar e Ferrer

Rafa Nadal e Aleksandr Dolgopolov sono i due finalisti dell'Atp 500 di Rio de Janeiro. Sconfitti Pablo Andujar (2-6; 6-3; 7-6(10) e David Ferrer (6-4; 6-4). Ecco la cronaca dei due match.

Che fatica per Nadal. Merito di Andujar. Nel primo set, il n°40 del mondo, gioca benissimo, sfrutta la poca reattività del connazionale e piazza un doppio break che gli vale il 6-2. Nadal rischia il crollo in avvio di secondo parziale quando è costretto a annullare una palla break sll’1-1, poi, trova finalmente un minimo di continuità, approfitta del prevedibile passaggio a vuoto di Andujar, allunga sul 4-1, argina il tentativo di rimonta di quest’ultimo e trascina la sfida al terzo. Chi si aspetta una conclusione repentina deve subito ricredersi. Ogni game è una battaglia. Sembra fatta per Rafa. Break sul 3-3 ma Andujar impatta immediatamente per poi costringere il numero uno del mondo a servire in due occasioni, sul 5-4 e sul 6-5 per rimanere nel match. Il tie break conclusivo è emozionante (nel video gli highlights). 7 dei primi 8 punti sono di chi risponde. Si arriva al 5-5. Andujar annulla un match point sul 6-5, se ne procura uno sul 7-6 in suo favore. Nuovo vantaggio per Rafa 8-7, altra rimonta Andujar 9-8. Terzo match point per Nadal, 10-9, nuova parità e mini break decisivo per il maiorchino che chiude le ostilità 12-10.

Dolgopolov si conferma avversario difficile da superare per Ferrer. Nei precedenti più recenti, a Wimbledon e Doha, l’iberico l’ha sempre spuntata al set decisivo. Oggi, è stato imbrigliato dall’ucraino. Fa tutto Dolgopolov nel primo set. Dal 2-2, seguono tre break, l’ultimo è del Guru (questo il nomignolo datogli dai fan) che, avanti 5-4, è costretto a sventare l’occasione del possibile controbreak per Ferrer. Arranca il numero tre del mondo che perde il servizio, a 0, anche in apertura di secondo set. Con l’avversario in difficoltà, Dolgopolov continua a pressare. Ferrer si salva dalla disfatta anticipata sul 3-1, sventa due match point sotto 5-3 ma capitola poco dopo. L’ultimo game è indicativo della prestazione dell’ucraino che vola in finale con due ace e due vincenti. Vittoria bella e meritata che gli vale la sesta finale Atp in carriera e il ritorno nei top 40 del ranking Atp.

Finale, stasera, alle 21, in diretta su Supertennis.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail