Olimpiadi di Sochi 2014: i dieci momenti da ricordare (Foto)

Dalle medaglie italiane alle lacrime di Bode Miller e dell'Orso polare…

Ieri si sono concluse le Olimpiadi Invernali di Sochi 2014 e oggi è tempo di bilanci. Ma oltre alle otto medaglie conquistate dagli azzurri che cosa ci resta? Di tutto quello che è successo nelle due settimane dei Giochi in Russia che cosa ricorderemo? Ovviamente ogni tifoso e spettatore avrà i "suoi" momenti da ricordare e scegliere i più belli, emozionanti o semplicemente particolari in negativo o in positivo, è estremamente soggettivo, tuttavia noi abbiamo provato a individuarne dieci un po' in base al gusto personale e un po' considerando il riscontro che hanno avuto da parte dei nostri lettori, per questo nell'elenco troverete linkati alcuni dei post più letti nel periodo olimpico qui su Outdoorblog.it.

Ecco i dieci momenti rigorosamente in ordine cronologico.

Il quinto cerchio non si apre


Venerdì 7 febbraio

- Durante la cerimonia di inaugurazione dei Giochi Olimpici di Sochi 2014 qualcosa non ha funzionato: i cinque cerchi olimpici illuminati avrebbero dovuto aprirsi uno a uno, invece… l'ultimo è rimasto chiuso davanti agli occhi del Presidente del CIO Thomas Bach e del Presidente russo Vladimir Putin oltre che di tutti i rappresentanti degli Stati partecipanti (per l'Italia c'era Enrico Letta a fare "ciao ciao" con la manina, pochi giorni dopo è stato silurato dal suo partito…).

Il quinto cerchio non si apre a Sochi 2014
Bianco

Il bronzo di Armin Zoeggeler


Domenica 9 febbraio

- Il bronzo di Armin Zoeggeler è stata la seconda medaglia azzurra a Sochi 2014, arrivata nel pomeriggio dopo che la mattina Christof Innerhofer ci aveva fatto esultare per l'argento in discesa libera. Tuttavia, occorre riconoscere che pur essendo tutte belle le medaglie conquistate dagli atleti italiani, alcune lasceranno un ricordo più vivido. È il caso dell'ultima medaglia dello slittinista italiano più forte di tutti i tempi, portabandiera nella cerimonia di apertura, che ha conquistato la sua sesta medaglia in sei Olimpiadi diverse. Una medaglia attesa, desiderata, non scontata e terribilmente emozionante non solo per noi italiani, ma per tutti coloro che amano lo sport.

Armin Zoeggeler bronzo a Sochi 2014
Bianco

La gara di short track femminile 500 metri


Giovedì 13 febbraio

- Questa gara la ricorderemo non solo per l'argento della nostra straordinaria Arianna Fontana (capace di vincere tre medaglie in una sola edizione dei Giochi), ma anche per come si è svolta la finale, con la cinese Jianrou Li, la meno quotata delle atlete arrivate all'ultimo atto della gara, capace di vincere l'oro grazie alla caduta collettiva delle altre tre finaliste, causata dalla britannica Elise Christie, poi squalificata. Un episodio, questo, che ha fatto tornare alla mente quello delle Olimpiadi di Salt Lake City 2002 con il trionfo inaspettato dell'australiano Steven Bradbury.

La gara di short track dei 500 m donne
Bianco

Il forfait di Plushenko


Giovedì 13 febbraio

- Uno dei giorni più attesi ha riservato una delle più grandi delusioni al pubblico di casa: è il giorno della gara di pattinaggio di figura maschile, ma sull'Iceberg Arena cala il gelo quando durante il riscaldamento l'idolo di casa Evgeny Plushenko si ferma, si tocca la schiena, si avvicina al suo allenatore, poi va verso la giuria e comunica il ritiro dalla gara. Saluta il pubblico, poi qualche giorno dopo annuncia che è costretto a operarsi. Seguono un po' di polemiche perché il pattinatore prima si lascia scappare di essere stato costretto a gareggiare, poi ritratta. Intanto, però, ha avuto modo di vincere l'oro nel Team Event con i suoi compagni di squadra della Russia. A offrire uno spettacolo straordinario ci hanno poi pensato gli altri pattinatori, il giapponese Yuzuru Hanyu e il canadese Patrick Chan su tutti, rispettivamente medaglia d'oro (con record del mondo nel programma corto) e d'argento.

Evgeny Plushenko si ritira a Sochi 2014
Bianco

Il bronzo di Innerhofer nella Supercombinata


Venerdì 14 febbraio

- Christof Innerhofer, come detto, ha vinto la prima medaglia italiane delle Olimpiadi di Sochi nella discesa libera, ma la più sorprendente è stata la medaglia di bronzo nella Supercombinata, gara in cui Inner non partiva affatto da favorito, tanto più che dopo la prima manche in discesa era solo ottavo, invece, nello slalom, ecco la sua sorprendente prestazione che lo ha portato al terzo posto. E quello che ricorderemo di questa gara è anche la mega-gufata nazionale contro gli atleti che hanno sciato dopo il nostro "Winnerhofer"!

Christof Innerhofer Winnerhofer
Bianco

L'olandese beffato


Sabato 15 febbraio

- L'olandese Keon Verweij si dispera scoprendo di aver perso l'oro sui 1500 metri nel pattinaggio di velocità perché il polacco Zbigniew Brodka lo ha anticipato di soli tre millesimi! L'Olanda ha registrato un record di medaglie in questa disciplina aggiudicandosene 23 su un totale di 36 a disposizione. Su ogni podio c'è stato almeno un olandese e in quattro occasioni il podio è stato tutto orange. Ma quell'oro sfuggito per tre millesimi brucerà per sempre….

Keon Verweij beffato per 3 millesimi
Bianco

Le lacrime di Bode Miller


Domenica 16 febbraio

- La leggenda dello sci alpino statunitense è riuscito a salire per la sesta volta sul podio olimpico. Il suo bronzo nel Super-G a pari merito con il canadese Jan Hudec, vale oro. Bode Miller si è poi commosso durante un'intervista con una giornalista americana che gli ha fatto ricordare il fratello Chelone, morto nel 2013 a causa di una crisi epilettica nel sonno. A consolarlo lì vicino c'è la bellissima moglie Morgan Beck.

Le lacrime di Bode Miller a Sochi 2014
Bianco

Marito e moglie vincono le medaglie sulla stessa pista


Mercoledì 19 febbraio

- Lo snowboard ci regala la bellissima storia dei coniugi Vic Wild e Alena Zavarzina, che hanno vinto rispettivamente l'oro nella gara maschile dello Slalom Gigante Parallelo e il bronzo nella stessa disciplina al femminile. Le gare di Salom dello snowboard si svolgono sulla stessa pista, alternando una manche maschile a una femminile e dunque i due sposini hanno vinto nello stesso luogo e a distanza di pochissimi minuti. Vic Wild, che è americano naturalizzato russo, ha poi vinto l'oro anche nello Slalom Parallelo stabilendo il record come primo uomo a vincere due medaglie d'oro nello snowboard nella stessa edizione delle Olimpiadi. A quota due c'è anche il suo amico sloveno Zan Kosir, argento nello Slalom e bronzo nel Gigante.

Vic Wild e Alena Zavarzina a Sochi 2014
Bianco

Il bronzo di Carolina Kostner


Giovedì 20 febbraio

- Il pattinaggio artistico è stato grande protagonista delle Olimpiadi di Sochi: per la prima volta è stato introdotto il Team Event, apprezzato dagli stessi atleti e dalla maggior parte dei tifosi, la gara maschile e quella di danza hanno regalato record del mondo e prestazioni straordinarie, ma la gara più attesa è stata quella femminile. Per l'Italia questa passera alla storia come una gara storica perché corona la carriera della pattinatrice italiana più forte di sempre, Carolina Kostner, che a 27 anni appena compiuti ha riservato le prestazioni migliori della sua carriera, sia nel corto sia nel libero, proprio per queste Olimpiadi, meritando la medaglia di bronzo. Polemiche invece per l'oro ad Adelina Sotnikova che a molti è sembrata meno brava della campionessa del mondo Yuna Kim, la coreana i cui tifosi hanno addirittura lanciato una petizione per ricalcolare il punteggio.

Carolina Kostner bronzo a Sochi 2014
Bianco

L'orso che piange


Domenica 23 febbraio

- L'ultima emozione ce l'ha regalata una delle tre mascotte, l'Orso polare, a cui è scesa una lacrimuccia al momento dello spegnimento del braciere olimpico. Un episodio molto significativo e commovente per tutti coloro che hanno seguito con passione le due settimane olimpiche nonostante le polemiche di carattere politico che nulla hanno a che fare con lo sport.
Ecco la lacrima nello screenshot dei nostri colleghi di TvBlog.

Orso Polare mascotte di Sochi che piange

Ed ecco l'Orso mentre soffia sul braciere che si riaccenderà in Corea del Sud nel 2018 a Pyeongchang.

L'Orso bianco spegne il braciere di Sochi 2014

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail