Basket Eurolega: "Almeno due squadre italiane nel 2014/15"

Prima della vittoriosa sfida di Milano sul Panathinaikos, è andata in scena la presentazione delle Final Four 2014 di Eurolega, che si terranno proprio al Forum di Assago dal 16 al 18 maggio prossimi. “L’Italia è un paese chiave per l’Eurolega – ha spiegato Jordi Bertomeu, numero uno della massima competizione continentale – Negli ultimi anni il livello della pallacanestro italiana non è stato quella di un tempo, anche se Siena è stata alle Final Four. Però l’immagine non è così drammatica, ma noi vogliamo che l’Italia torni a quel livello del passato”.

Però c’è il serio rischio di perdere la nostra rappresentante principale degli ultimi anni, proprio Siena: la società toscana è in liquidazione e c’è lo spettro di un fallimento a fine stagione. “Dobbiamo essere cauti – ha commentato Bertomeu – L’ipotesi che una squadra possa fallire non giova ovviamente all’Eurolega. Ma qual è la situazione non la sappiamo noi e forse nessuno. Sul piano sportivo non stanno facendo male, cosa succede a fine stagione vedremo. Se fallirà, ovviamente perderà la licenza”.

Ma cosa capiterà, se dovesse avverarsi la previsione più pessimistica? L’unica quasi certa di esserci è Milano, anche se scadrà quest’anno la licenza biennale concessa nell’estate 2012: probabile la conferma, visti i risultati soprattutto di pubblico di quest’anno. “L’Italia deve avere come minimo due posti – chiude il dirigente spagnolo – Se perderà una licenza fissa, ne prenderà una dal campionato. Per noi l’Italia è un mercato strategico, come la Germania o la Francia. Negli ultimi anni, noi abbiamo fatti degli inviti ad alcune squadre tedesche ed è la stessa situazione. Il futuro della pallacanestro deve essere anche l’Italia”.

presentazioneffeurolegaad

Foto Alessia Doniselli

  • shares
  • Mail