Roma Maxima 2014: Alejandro Valverde vince da gladiatore! Secondo Appollonio, terzo Colbrelli

Ottimo lavoro anche di Domenico Pozzovivo, protagonista della fuga finale di Valverde.

Alejandro Valverde ha conquistato la sua sesta vittoria stagionale nello splendido scenario dei Fori Imperiali. è sua la seconda edizione della Roma Maxima, l'ex Giro del Lazio, di cui è stato grandissimo protagonista nel finale con la complicità di Domenico Pozzovivo.

Il capitano della Movistar è fuggito appena il gruppo ha riassorbito tutti i sette fuggitivi della prima ora e alla sua ruota è rimasto solo l'italiano dell'Ag2r che gli ha dato un grande aiuto negli ultimi chilometri ottenendo alla fine solo il quinto posto, anche se può consolarsi con la seconda piazza del suo compagno di squadra Davide Appollonio che si è di fatto aggiudicato la volata del gruppo. Terzo il giovane Sonny Colbrelli della Bardiani che raccoglie l'ennesimo piazzamento anche se è ancora in attesa del suo primo successo da professionista.

La prima e più lunga fuga di giornata è iniziata già al 15° chilometro quando si sono staccati sette corridori: si tratta di Matthias Brandle della IAM, Niccolò Bonifazio della Lampre-Merida, Daniel Teklehaimanot e Dennis Van Niekerk della MTN Qhubeka, Kiel Reijnen della United Healtcare, Ben Gastauer dell'Ag2r La Mondiale e Thomas Damuseau della Giant-Shimano.

Il distacco dei sette battistrada è salito fino a 6' 30" al 50° chilometro, poi è via via sceso e i primi due a perdere contatto sono stati Reijnen e Van Niekerk prima dell'inizio della salita di Roccapriora. Il lussemburghese Ben Gastauer ha poi staccato tutti gli altri ed è riuscito a mantenere un margine di oltre 40" per qualche chilometro mentre in testa al gruppo la Movistar ha provato a dettare l'andatura e il suo capitano Alejandro Valverde si è fatto notare in un paio di scatti in salita a meno di 40 km dall'arrivo.

Prima sono stati ripresi i quattro inseguitori di Gastauer, ossia Brandle, Bonifazio, Teklehaimanot e Damuseau, poi, con gli uomini Movistar che hanno continuato a spingere come forsennati il gruppo ha riacciuffato anche Gastauer e verso la salita di Campi di Annibale, Valverde e Pozzovivo hanno dato il via a una nuova fuga in coppia, mentre dietro di loro si è formato un gruppetto di inseguitori composto da Hubert Dupont e Rinaldo Nocetini dell'Ag2r La Mondiale, Winner Anacona della Lampre-Merida, Tom Dumoulin della Giant-Shimano, Franco Pellizotti e Johnny Hoogerland dell'Androni Venezuela, Johann Tschopp della IAM, Ben Hermans della BMC, Tanel Kangert dell'Astana, Manuel Bongiorno della Bardiani e Matteo Rabottini della Neri Sottoli.

Pellizzotti è stato il primo a non reggere il ritmo del gruppo di inseguitori, mentre Bongiorno prima e Rabottini poi hanno cercato di lanciarsi per raggiungere Valverde e Pozzovivo a meno di 15 km dall'arrivo. Il corridore della Neri Sottoli è rimasto da solo tra i due fuggitivi e il gruppo degli inseguitori che non si sono accordati tra loro, mentre il plotone più numeroso, a circa 1' di distacco, ha iniziato ad aumentare il ritmo a 7 km dalla fine.

A quattro chilometri dalla fine Valverde non ha chiesto il cambio a Pozzovivo per quasi un chilometro andando a tutta per aumentare il distacco, ma il gruppo negli ultimi due chilometri ha recuperato moltissimo arrivando ad avere un ritardo di 24" e poi di 16" fino a ridurlo a solo 1" sul traguardo, ma Valverde è riuscito a vincere con un distacco di una ventina di metri, mentre Pozzovivo è stato inghiottito dal plotone.

Alejandro Valverde ha vinto la Roma Maxima 2014

Ecco che cosa ha detto ai microfoni di RaiSport Alejandro Valverde dopo la sua esaltante vittoria:

"È stata una vittoria molto faticosa per me e per la squadra. Con Pozzovivo ci siamo trovati molto bene negli ultimi chilometri. Una vittoria in Italia e in particolare a Roma significa moltissimo per me"

Questi i primi dieci della classifica finale


    1) Alejandro Valverde Belmonte (Movistar) 4h 45' 45"
    2) Davide Appollonio (Ag2r La Mondiale) +1"
    3) Sonny Colbrelli (Bardiani) +1"
    4) Antonino Parrinello (Androni) +1"
    5) Domenico Pozzovivo (Ag2r La Mondiale) +1"
    6) Alessandro Bazzana (UnitedHealthCare) +1"
    7) Jarlinson Pantano (Colombia) 1"
    8) Philippe Gilbert (BMC) +1"
    9) Simon Geschke (Giant-Shimano) +1"
    10) Mauro Finetto (Neri Sottoli Yellow Fluo) +1"
  • shares
  • Mail