Atp Indian Wells 2014: Federer e Djokovic ai quarti, Fognini, Murray e Wawrinka eliminati, i risultati del 12 marzo

A Indian Wells si sono disputati gli ottavi di finale

Un ottimo Federer batte Haas con un doppio 6-4 e si guadagna i quarti di finale. Bastano due break all'elvetico sul 4-3 del primo set e sul 2-2 del secondo per avere la meglio dell'amico-rivale, troppo discontinuo nel gioco di fronte all'efficacia dell'elvetico, supportato dal servizio (83% dei punti con la prima nel secondo parziale) e da un dritto ingestibile per l'avversario. Con questa vttoria Federer avanza al sesto posto nel ranking Atp. (nel video gli highlights della partita)

Ai quarti non ci sarà il derby svizzero. Wawrinka infatti si è fatto eliminare da Kevin Anderson. Per Stan è la prima sconfitta nel 2014. Dopo aver perso il primo set al tie break, lo svizzero ricorre al fisioterapista per un problema alla schiena. Avanti 3-1 e servizio, Anderson si distrae, subisce la rimonta e si fa addirittura breakkare sotto 5-4. Buon per lui che Wawrinka interrompe il forcing. Il terzo set è un disastro per il campione degli Australian Open che soccombe rapidamente 6-1.

Djokovic si impone al terzo su Cilic in un match in cui il serbo ha palesato di nuovo un'atipica discontinuità. L'inizio è da brividi. Il croato fa suo il primo set 6-1 con Nole che incamera solo 8 miseri punti nei primi cinque game. Il secondo parziale è la fotocopia del precedente ma al contrario. E' Djokovic, finalmente entrato in partita a fare gara di testa. Il risultato è un altrettanto rapido 6-2. E' un altro Djokovic. La dimostrazione arriva nel set finale. Break in apertura sull'1-0 e 6-3 senza affanni. Ai quarti c'è Benneteau.

Dolgopolov si conferma avversario molto ostico per Fognini che incassa dall'ucraino la secondo sconfitta consecutiva dopo quella subita a Rio. Anche stavolta finisce in due set il match di ottavi. Lo vince il Guru 6-2; 6-4. Primo set durato appena 27 minuti. Subito break per Dolgopolov che vola 3-0. Qualche rimpianto per Fabio che non si affida al Challenge su una chiamata errata. Sarebbe stato il punto dell’1-1. La reazione non arriva. L'ucraino continua a far vedere le cose migliori. Fognini remissivo e nervoso. Arriva un altro break, 6-2. Secondo parziale più lottato. Fabio è più propositivo e l'avversario sembra concedere qualcosa. Peccato però che le tre palle break arrivate sul 3-3 svaniscano senza esito. Brivido scampato per Dolgopolov che nel decimo prova a chiudere il match e ci riesce al terzo match point a disposizione. Stretta di mano fredda e frettolosa. Per Fabio l'appuntamento con la top ten è rimandato.

Ai quarti Dolgopolov affronterà Raonic. Lo scrivevo nel post di presentazione degli ottavi. Il canadese poteva oggi approfittare della scarsa condizione di Murray e lo ha fatto imponendosi in tre set. Vittoria meritata di Raonic, punito nel primo set nell'unica palla break concessa all'avversario nel nono game. Secondo parziale on serve fino al 6-5 quando inizia il disastro dello scozzese. Servizio perso a 0 e set che va al canadese. Raonic esce alla distanza anche nella frazione decisiva. Sotto di un break in avvio, Milos infila quattro game di fila, si porta sul 5-2, spreca un match point in risposta ma poi chiude 6-3 con un turno impeccabile in battuta. Questo 2014, per Murray, non vuole proprio decollare.

Vai ai quarti anche Ernst Gulbis che piega Bautista Agut in un match che ha rischiato di complicarsi. Dopo aver conquistato il primo set al tie break, il lettone si lascia prendere dal solito nervosismo, perde due volte di fila il servizio ed è costretto agli straordinari nel terzo parziale dove basta, comunque, un break in avvio anche per battere i crampi. Gulbis non si è fatto manca nulla: rituale distruzione di racchetta, frequenti discussioni con il giudice di sedia Bernardes tanto da costringere Bautista a chiamare il supervisor Lars Graf e gesti di disappunto per il passaggio di un aeroplano sopra il campo.

Atp Indian Wells 2014: risultati ottavi di finale

Dolgopolov b. Fognini 6-2; 6-4
Raonic b. Murray 4-6; 7-5; 6-3
Gulbis b. Butista Agut 7-6; 4-6; 6-2
Anderson b. Wawrinka 7-6; 4-6; 6-1
Isner b. Verdasco 7-6(3) 3-6 63
Federer b. Haas 6-4; 6-4
Benneteau b. Lopez 6-3 7-6(4)
Djokovic b. Cilic 1-6; 6-2; 6-3

Quarti di finale: Raonic-Dolgopolov; Federer-Anderson; Gulbis-Isner; Djokovic-Benneteau

Atp Indian Wells 2014: gli ottavi di finale

Atp Indian Wells 2014: tabellone e risultati aggiornati

Atp Indian Wells 2014: programma ottavi di finale

Altra grande serata di tennis all'Atp Masters di Indian Wells. Si disputano in un solo giorno tutti gli ottavi di finale. Si comincia alle 19 e si prosegue fino a notte fonda.

L'inizio è subito scoppiettante. Alle 19, in campo subito Fabio Fognini contro Aleksandr Dolgopolov reduce dalla belle e meritata vittoria con Nadal. Tra i due non corre buon sangue. C'è un precedente molto recente, risale a tre settimane fa. Sulla terra di Rio de Janeiro, l'ucraino si impose con un doppio 6-1. Fabio era stanchissimo, dopo la Davis e l'accoppiata Vina del Mar e Buenos Aires. Oggi si presenta in migliori condizioni ma l'avversario è di quelli davvero ostici. Chi passa ai quarti, trova Murray o Raonic anche loro in azione alle 19 ma sul Centrale. Nei primi due turni, Andy è stato l'ombra di se stesso. Se non migliora, il canadese, specie se supportato dal servizio, può approfittarne per centrare il colpaccio.

Dalle 23 circa, spazio ai due svizzeri sul Centrale. Stan Wawrinka, in forma smagliante, è atteso da Kevin Anderson, sempre sconfitto nelle tre sfide finora disputate. A seguire torna un grande classico del tennis contemporaneo, la sfida tra Federer e Haas. Match che non necessita di presentazioni. I due si conoscono benissimo e sono molto amici. Con Mathieu e Tursunov, Roger ha vinto con il minimo sindacale. Meglio Haas specie contro Nishikori sconfitto in due set. Federer favorito ma il vecchio Tommy può giocarsi le sue chances. E' lui l'ultimo ostacolo al derby tra svizzeri ai quarti di finale.

Chi rischia è Novak Djokovic che, alle 4.30, affronta Marin Cilic. Il bilancio dei precedenti è inequivocabile. 7 su 7 per Nole, ieri davvero svogliato con Gonzalez. Attenzione però al croato, uno dei migliori in questo inizio di stagione con 20 vittorie all'attivo e due vittorie nei 250 di Zagabria e Delray Beach e una finale persa a Rotterdam.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail