Giro di Romandia 2014: Michael Albasini ha vinto la prima tappa. Show di Nibali in discesa (VIDEO)

Secondo Jesús Herrada della Movistar e terzo Ramunas Navardauskas della Garmin Sharp.

Lo svizzero dell'Orica GreenEdge Michael Albasini ha vinto la prima tappa in linea del Giro di Romandia 2014, mentre Michal Kwiatkowski conserva la maglia di leader dopo la vittoria nel cronoprologo. Il polacco ha anche aumentato leggermente il suo distacco da alcuni degli altri uomini in classifica generale perché, nonostante l'arrivo in volata oggi, i primi 14 al traguardo hanno avuto 4" di vantaggio sugli altri.

Albasini si è imposto nello sprint finale davanti a Jesús Herrada della Movistar e a Ramunas Navardauskas della Garmin Sharp, colpevole di aver anticipato un po' troppo la volata.
La Giant Shimano, che aveva due velocisti fortissimi in squadra, Marcel Kittel e Luka Mezgec, non è stata nemmeno competitiva perché i suoi uomini hanno sofferto troppo in salita.
L'Italia si può consolare con lo show che Vincenzo Nibali ha regalato in discesa avviando una mini-fuga in solitaria fino a 2 km dall'arrivo, giusto per testare il suo stato di forma e i suoi limiti e certamente i segnali sono confortanti e si è anche guadagnato la maglia degli sprint intermedi.

La tappa di oggi da Ascona a Sion sarebbe stata la più lunga, in origine di 200,9 km, ma è stato neutralizzato il passaggio in Italia a causa del maltempo. Non c'è dunque stata la scalata del Passo del Sempione e i ciclisti si sono spostati in auto.

Ecco il post di Chris Froome durante il tratto in auto:

E in questo video si può vedere quali erano le condizioni meteorologiche sul Passo del Sempione


La fuga di giornata è partita molto presto, al km 4, e i protagonisti sono stati Boris Vallée della Lotto Belisol, Silvan Dillier della BMC e Reto Hollenstein della IAM. Vallée è stato il più bravo al primo traguardo volante, poi tutti e tre sono stati ripresi a 27 km dall'arrivo.
Sulla salita verso Lens Marcel Kittel della Giant Shimano, terzo ieri nel cronoprologo, è rimasto attardato insieme a un'altra trentina di corridori.

Poco dopo che il gruppo di testa ha preso i tre fuggitivi è partito l'attacco di Johann Tschopp della IAM, che ha ottenuto più di 10" di vantaggio sugli altri e si è guadagnato la maglia di re della montagna transitando per primo al gpm, davanti a Thibaut Pinot della FDJ che è stato il primo a raggiungerlo. Poi in discesa è partito in contropiede Vincenzo Nibali e a 11 km dalla fine si è ritrovato con 14" di vantaggio. Ai -8 km sono partiti due contrattaccanti, Andrew Talansky della Garmin-Sharp e Nicolas Roche della Tinkoff-Saxo.
All'inizio del tratto in pianura Nibali è arrivato ad avere fino a 25" di vantaggio e si è aggiudicato il secondo traguardo volante della giornata, nel frattempo in testa al gruppo si è messo Rigoberto Uran dell'Omega Pharma - Quick Step, squadra del leader della corsa Michal Kwiatkowski, poi anche l'Ag2r La Mondiale e la Giant-Shimano si sono impegnate a riprendere Nibali.

L'aggancio è riuscito ai -2 km dall'arrivo, quando Tony Martin dell'Omega ha preso l'iniziativa, seguito da Navardauskas, poi nell'ultimo chilometro è partito un attacco di Thomas Voeckler dell'Europcar, ma ha anticipato troppo la volata e alla fine è stato Albasini a bruciare tutti.

Giro di Romandia 2014: altimetria delle tappe e start list ufficiale

Michael Albasini

Ecco i primi dieci oggi al traguardo, tutti con lo stesso tempo:


    1) Michael Albasini (Orica GreenEdge) 2h 11' 11"
    2) Jesús Herrada (Movistar)
    3) Ramunas Navardauskas (Garmin Sharp)
    4) Maxim Iglinskiy (Astana)
    5) Andrew Talansky (Garmin Sharp)
    6) Matthias Brandle (IAM)
    7) Alberto Rui Costa (Lampre-Merida)
    8) Jonathan Hivert (Belkin)
    9) Bjorn Thurau (Europcar)
    10) Thomas Voeckler (Europcar)

E questi i primi cinque della classifica generale:


    1) Michal Kwiatkowski (Omega Pharma - Quick Step) 2h 17' 33"
    2) Michael Albasini (Orica GreenEdge) +5"
    3) Ramunas Navardauskas (Garmin Sharp) +5"
    4) Jesús Herrada (Movistar) +6"
    5) Matthias Brandle (IAM) +7"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail