Il coletello subacqueo

Una delle cose che l’allievo viene invitato a comperare quando si accinge ad affrontare per la prima volta un corso subacqueo è il coltello. Contrariamente a quanto si può pensare, il coltello non è un gadget di abbellimento, bensì una componente importantissima dell’attrezzatura. Sia che il subacqueo si immerga in apnea che con lo scuba, è un accessorio che in alcune situazioni può anche salvare una vita, propria o altrui che sia.

Come ogni componente dell’attrezzatura subacquea anche gli arnesi da taglio richiedono un minimo di manutenzione. Il filo di lama va fatto appena comperato il coltello, anche perchè trovandosi in situazioni estreme la rapidità di azione è direttamente proporzionale alle probabilità di risoluzione del problema.

Periodicamente è opportuno asportare l’eventuale strato di grasso ed esaminare accuratamente tutte le parti metalliche. Non ci si dovrà preoccupare se appariranno delle tracce di ruggine, specialmente in prossimità dell’attaccatura della lama al manico, ciò è normale per del buon metallo e una passata con carta abrasiva molto fine, risolverà tutti i problemi. Anche l’affilatura andrà controllata e periodicamente rifatta.

In merito al posizionamento degli attrezzi da taglio, le scelte possono essere diverse. Il più classico, il punto di attacco del coltello per eccellenza è il polpaccio. Questa scelta è un po’ obsoleta, grossi pregi non ne ha e sicuramente i difetti sono notevoli poiché il coltello è difficilmente raggiungibile e questa posizione è un potenziale e pericoloso punto di impiglio.

Sul corrugato del GAV è una buona soluzione, l’arnese risulta di facile accesso con entrambe le mani, di rapida estrazione anche se bisogna applicare delle fascette per fissare il fodero del coltello al corrugato facendo però attenzione a non tagliare il corrugato quando si ripone il coltello nel fodero.

Anche sullo spallaccio del GAV è una buona soluzione, forse migliore di quella precedentemente descritta, gli spallacci non sono soggetti a rovinarsi con l’applicazione di fascette od altro, inoltre vi è senza dubbio un minor pericolo nel riporre il coltello.

Un altro punto di attacco potrebbe essere nella parte anteriore della cintura del GAV dove il coltello sarà facilmente accessibile con entrambe le mani e, cosa non meno importante, il suo raggiungimento sarà molto più intuitivo.

Ovviamente ogni metodo di posizionamento ha i propri vantaggi e svantaggi che devono essere valutati in base alle proprie abitudini in modo che il coltello possa essere prontamente disponibile in caso di emergenza.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: