Giro di Turchia 2014: Elia Viviani ha vinto la 5a tappa davanti a Cavendish e Sbaragli (VIDEO)

Il velocista della Cannondale ha bruciato Cavendish che finora aveva vinto tutte le tappe finite con una volata.

Elia Viviani è riuscito a battere Mark Cavendish che finora aveva trionfato in tutte e tre le tappe del Giro di Turchia 2014 conclusesi con una volata. Il veronese della Cannondale oggi ha sfruttato proprio la ruota del britannico e lo ha bruciato sul finale, mentre per una volta il capitano dell'Omega Pharma-Quick Step deve rinunciare a oltrepassare il traguardo a braccia alzate sia per la bravura dell'italiano sia per l'errore suo e della sua squadra commesso lanciando la volata troppo presto e arrivando affaticato negli ultimi metri.

Al terzo posto si è piazzato un altro italiano, Kristian Sbaragli della MTN Qhubeka, che ieri era arrivato quarto. Nella top ten di oggi troviamo inoltre Andrea Fedi della Neri Sottoli Yellow Fluo, quarto dopo essere stato protagonista della fuga di ieri, Danilo Napolitano della Wanty-Groupe Gobert quinto e Niccolò Bonifazio della Lampre-Merida, ottavo.

In classifica generale resta saldamente al comando l'estone Rein Taaramäe della Cofidis, seguito da Adam Yates dell'Orica GreenEdge a 6" di distacco e Roman Hardy, anch'egli della Cofidis, a 38".

La tappa di oggi da Marmaris a Turgutreis, lunga 183 km con due gran premi della montagna (uno di terza e l'altro di seconda categoria), è stata caratterizzata da una fuga piuttosto numerosa, composta da Matthias Krizek della Cannondale, Nicola Boem della Bardiani, Fabricio Ferrari della Caja Rural, Lachlan Norris della Dapac, Dennis Van NIekerk della MTN Qhubeka, Marc De Maar della UnitedHealthCare, Nico Sijmens della Wanty-Groupe Gobert, Mattia Pozzo e Mirko Tedeschi della Neri Sottoli Yellow Fluo.

I primi a essere ripresi dal gruppo sono stati De Maar e Tedeschi, mentre Krizek è stato il primo a tentare un attacco quando il plotone era a soli 30" di distanza, trainato dall'Omega Pharma-Quick Step. Ai -8 km sono stati ripresi tutti i battistrada, c'è stato poi un tentativo di una mini-fuga con Merhawi Kudus (MTN Qhubeka), Marco Canola (Bardiani) e Mirac Kal della Torku Sekerspor, ma sono stati riacciuffati ai -5 km, poi è cominciato il gioco dei treni per la volata conclusiva e alla fine Elia Viviani ha bruciato tutti, incluso il finora dominatore Mark Cavendish.

Giro di Turchia 2014: altimetria della tappe e start list

Elia Viviani ha vinto la quinta tappa del Giro di Turchia 2014

Ecco i primi dieci al traguardo della quinta tappa, tutti con lo stesso tempo:


    1) Elia Viviani (Cannondale) 4h 34' 11"
    2) Mark Cavendish (Omega Pharma-Quick Step)
    3) Kristian Sbaragli (MTN Qhubeka)
    4) Andrea Fedi (Neri Sottoli Yellow Fluo)
    5) Danilo Napolitano (Wanty-Groupe Gobert)
    6) Rafael Andriato De Mattas (Neri Sottoli Yellow Fluo)
    7) Barry Markus (Belkin)
    8) Niccolò Bonifazio (Lampre-Merida)
    9) Michael Van Staeyen (Topsport Vlaanderen-Baloise)
    10) Adam Phelan (Drapac)

E queste le prime posizioni della classifica generale:


    1) Rein Taaramäe (Cofidis) 20h 35' 05"
    2) Adam Yates (Orica GreenEdge) +6″
    3) Romain Hardy (Cofidis) +38″
    4) Merhawi Kudus (MTN Qhubeka) +38″
    5) Luis Leon Sanchez (Caja Rural) +38″
    6) Adam Hansen +43"
    7) Juan José Cobo Acebo +44"
    8) Enrico Bardin (Bardiani CSF) +44″
    9) Davide Formolo (Cannondale) +44"
    10) Alexandr Dyachenko (Astana) +44"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail