Running - Il sistema VDOT di Jack Daniels

running girlMolti amatori della corsa la praticano a suon di supposizioni, dal quanto spesso allenarsi in salita a che tipo di recupero fare tra le ripetute e quante ripetute fare in una seduta. Grazie al sistema VDOT e ai lavori di Jack Daniels, rinomato running-coach e fisiologo americano, c'è almeno una cosa che non richiederà più supposizioni, la velocità negli allenamenti.

Per chi non l'avesse mai sentito nominare Jack Daniels è stato atleta olimpionico negli anni '60, allenatore della nazionale peruviana di maratona, è stato l'autore del bestseller "Daniels' Running Formula" nel 1998, mentre ora, alla veneranda età di 71 anni, allena i runner d'elite della quadra di atletica di casa Nike, la Nike Team Farm.

Daniels ha provato a dare la risposta definitiva alla domanda "quanto bisogna andare veloce negli allenamenti?", una risposta che non è né facile né scontata. Di fatto, alcuni esperti allenatori programmano l'intensità degli allenamenti in base alla soglia anaerobica dell'atleta, data per assunta, oppure in base al tempo target che l'atleta si prefigge di raggiungere su una certa distanza, come per le tabelle che abbiamo pubblicato su outdoor, che erano di questo tipo; ma questi sono alcuni dei modi per definire i ritmi di corsa per allenamenti strutturati e il sistema VDOT ideato da Jack Daniels è uno di questi.

Più specificamente, il vostro VDOT è un parametro che indica la quantità di ossigeno che consumate durante un minuto di corsa; ovviamente V.D.O.T. è un acronimo, è sta per V-dot-O2 max, cioè il massimo consumo di ossigeno e si può determinare - oltre che in laboratorio - in base al vostro ritmo-gara in una competizione recente. Un tempo di 50' per 10 Km ad esempio, corrisponde ad un valore VDOT di 40. Più veloce è il ritmo gara, maggiore sarà il VDOT.

Il bello di questo sistema è che potete usare il vostro valore VDOT per determinare a che velocità dovreste correre nelle vostre sedute di allenamento. Questo perché, per qualunque livello di abilità di corsa, ci sono particolari velocità di allenamento che producono il beneficio ottimale. Daniels ha affrontato tutto questo in dettaglio nella nuova edizione del libro che fu già un best-seller alla fine degli anni '90.

E' l'essenza dell'allenamento personalizzato e, stando a quelli che l'hanno messo in pratica, funziona, quindi nel prossimo post vedremo che uso fare (e che uso non fare) delle tabelle per il calcolo del VDOT e come adoperarle per programmare gli allenamenti.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: