Giro d'Italia 2014: informazioni sbagliate sullo Stelvio, ammiraglie in tilt. Ecco l'audio di Radiocorsa

L'account ufficiale del Giro d'Italia ha chiesto scusa per un'informazione sbagliata. I direttori sportivi non hanno capito che il percorso lungo la discesa dallo Stelvio non è stato neutralizzato.

Aggiornamento - Mauro Vegni, direttore del Giro d'Italia, durante il Processo alla tappa, ha spiegato che quello che l'informazione da lui diffusa durante la 16a tappa da Ponte di Legno a Val Martello, è che si riteneva opportuno solo indicare con le moto le traiettorie delle curve lungo la discesa dallo Stelvio perché le nuvole erano basse e la visibilità non ottimale, ma non era una neutralizzazione della corsa.

Alcuni direttori sportivi, però, hanno capito che si trattava di "safety bike" e dunque che non si poteva sorpassare e si doveva rallentare. A tutto ciò si è aggiunto il messaggio di scuse su Twitter che ha fatto pensare a tutti che fosse effettivamente stata diffusa una informazione sbagliata.

Vegni ha detto anche che sicuramente nelle ammiraglie non hanno il tempo di leggere Twitter, ma ascoltano Radiocorsa. Il problema principale dunque sembra essere il fatto che l'informazione di Radiocorsa non è stata chiara, ma il messaggio dell'account del Giro d'Italia ha certamente complicato le cose e dà un alibi ai ds. Queste le parole del direttore del Giro:

"Mi sembra che la comunicazione di Radiocorsa sia chiara, non si accenna mai ad un discorso di neutralizzazione. Se sono stati commessi altri errori, faremo verifiche, ma nessuno ha mai parlato di neutralizzazione. Mi risulta difficile credere ad una errata interpretazione. E se c’è stata un errore di Twitter, non riguarda la corsa. Ma ditemi un'ultima cosa: vi state giocando il Giro, non siete sicuri di aver capito bene e non vi viene in mente di chiedere lumi alla macchina della Giuria?"

Roberto Amadio, ds della Cannondale di Ivan Basso, ha detto che sulla sua ammiraglia il messaggio di Radiocorsa è stato interpretato come una neutralizzazione e lo stesso ha detto Luca Guercilena della Trek. Il fatto che poi in discesa non ci fossero effettivamente le moto con le bandiere rosse non è stato notato dalle ammiraglie a causa della pessima visibilità.
Davide Bramati, ds dell'Omega Pharma - Quick Step e dunque della ex Maglia Rosa Rigoberto Uran, è sembrato piuttosto irritato da quanto è successo. L'opinione diffusa è che sebbene Nairo Quintana abbia meritato di vincere la tappa perché è il più forte in salita, senza questa incomprensione lungo la discesa dallo Stelvio certamente i distacchi in classifica sarebbero stati diversi.

Nel video in alto potete ascoltare l'audio dell'informazione diffusa da Radiocorsa, che è stata trasmessa durante il Processo alla tappa di RaiSport.

Giro d'Italia 2014: Twitter manda in tilt le ammiraglie


Il potere di Twitter si fa sentire anche al Giro d'Italia 2014. Oggi un'informazione sbagliata diffusa dall'account ufficiale della corsa rosa ha rischiato di compromettere il risultato di alcuni corridori nel corso della 16a tappa, il "tappone" da Ponte di Legno a Val Martello che comprende le scalate del Gavia e dello Stelvio.

Alcuni direttori sportivi sono andati letteralmente in confusione quando è stata pubblicata una avvertenza e cioè che la gara sarebbe stata neutralizzata lungo la discesa del Passo dello Stelvio. Radiocorsa ha annunciato soltanto che le moto avrebbero accompagnato i ciclisti per indicare loro le migliori traiettorie, visto che la strada era piuttosto pericolosa perché l'asfalto era bagnato, ma non ha parlato di neutralizzazione.

Tuttavia le ammiraglie hanno consigliato ai loro atleti in gara di rallentare lungo la discesa, come hanno fatto per esempio la Maglia Rosa Rigoberto Uran dell'Omega Pharma - Quick Step e il giovane italiano Fabio Aru dell'Astana, vincitore a Montecapione. Nairo Quintana della Movistar, invece, non ha mai rallentato e si è avvantaggiato.

Sull'account Twitter del Giro d'Italia è comparso prima un messaggio che avvertiva della neutralizzazione:

Primo-tweet

Poi dopo mezz'ora è stato cancellato e ne è stato pubblicato uno di scuse:


Come hanno fatto notare in telecronaca Silvio Martinello e Francesco Pantani di RaiSport, in gara le uniche notizie di cui tenere conto sono quelle di Radio Informazioni (meglio nota come Radiocorsa), ma sicuramente nel dopo-gara ci saranno delle polemiche, perché soprattuto i direttori sportivi dell'Omega Pharma - Quick Step e dell'Astana dovranno spiegare che cosa avevano capito e perché hanno preso in considerazione informazioni sbagliate. Hanno male interpretato Radiocorsa o hanno letto Twitter? Vi terremo informati anche su questo.

Giro d'Italia 2014 Informazioni sbagliate

  • shares
  • Mail