Giro d'Italia 2014 | 20a tappa Maniago-Monte Zoncolan: ha vinto Rogers. Quintana in Rosa, 2° Uran e 3° Aru

Giro d'Italia 2014 in diretta | la 20esima tappa da Maniago al Monte Zoncolan.

    Giro d'Italia 2014: clicca qui per seguire la 21esima ed ultima tappa da Gemona del Friuli a Trieste (domenica 1 Giugno).

18:05 - Ecco tutte le classifiche aggiornate dopo la tappa di oggi:

Giro d'Italia 2014 - Classifica Generale: la Maglia Rosa
Giro d'Italia 2014 - Classifica Scalatori: la Maglia Azzurra
Giro d'Italia 2014 - Classifica a punti: la Maglia Rossa
Giro d'Italia 2014 - Classifica Giovani: la Maglia Bianca

17:23 - Clicca qui per la classifica generale aggiornata dopo la tappa di oggi.

17:18 - Ecco Nairo Quintana, il vincitore del Giro d'Italia 2014 che domani si godrà la passerella fino a Trieste:

Schermata 2014-05-31 alle 17.19.58

17:11 - Non c'è stato l'attacco di Fabio Aru che tutti i tifosi italiani speravano di vedere. Confermato il podio di questo Giro: Nairo Quintana in Maglia Rosa, 2° Rigoberto Uran (+3'07") e 3° Fabio Aru (+4'04").

17:07 - Questo l'ordine d'arrivo di oggi:

Schermata 2014-05-31 alle 17.07.09

17:06 - Ecco anche Cadel Evans, che oggi rischia di uscire fuori dalla top-10.

Schermata 2014-05-31 alle 17.06.25

17:05 - Ed ecco anche Majka, Aru, Pozzovivo e Rolland.

Schermata 2014-05-31 alle 17.05.02

17:04 - Ecco Uran e Quintana al traguardo.

Schermata 2014-05-31 alle 17.03.48

17:02 - Uran e Quintana hanno allungato nuovamente su Aru, Pozzovivo, Majka e Rolland.

16:59 - Ha vinto Rogers! Secondo Pellizotti e terzo Bongiorno.

Schermata 2014-05-31 alle 16.59.28

16:59 - Aru, Pozzovivo e Majka intanto si sono riportati su Uran, Poels e Quintana.

16:57 - Rogers pedala verso il traguardo.

16:56 - Pellizotti si sta riportando su Bongiorno.

16:55 - 1000 metri al traguardo per Rogers. Non ce la farà Bongiorno a rientrare. Intanto Aru, Pozzovivo, Majka e Rolland continua a salire insieme a 20" da Uran, Poels e Quintana.

16:53 - Anche Rogers è costretto a sbracciare per tenere lontani questi pseudo tifosi.

Schermata 2014-05-31 alle 16.52.43

16:51 - Clamoroso cosa è successo in testa alla corsa! Un tifoso (un vero cretino) ha spinto il sellino di Bongiorno, facendogli perdere l'equilibrio, costringendolo a mettere un piede a terra per non cadere. Della situazione ha approfittato Rogers che ora sta salendo da solo. Incredibile.

Schermata 2014-05-31 alle 16.48.52
Schermata 2014-05-31 alle 16.48.59

16:48 - Uran, Poels e Quintana hanno preso un bel margine su Aru, Pozzovivo, Majka e Rolland. Il sardo della Astana sta pagando lo sforzo di ieri e probabilmente ora sta cercando di proteggere il terzo gradino del podio.

Schermata 2014-05-31 alle 16.46.02

16:45 - A 3.3km dal traguardo continuano a salire insieme Bongiorno e Rogers, seguiti ad una 30ina di metri da Pellizotti.

16:44 - Rigoberto Uran si è accorto del momento di difficoltà di Fabio Aru ed ha chiesto a Wout Poels di alzare il ritmo. A ruota dei due Omega è rimasto il solo Nairo Quintana. Più indietro Aru, Pozzovivo, Majka e Rolland.

16:41 - Fabio Aru sempre nelle ultime posizioni del gruppo della Maglia Rosa.

Schermata 2014-05-31 alle 16.41.22

16:39 - Fabio Aru e Rigoberto Uran sono nelle ultime posizioni del gruppetto della Maglia Rosa.

Schermata 2014-05-31 alle 16.38.43

16:36 - In testa alla corsa ora ci sono Bongiorno e Rogers. Ha perso qualche metro Pellizotti, che sta salendo con il suo passo.

Schermata 2014-05-31 alle 16.37.23

16:35 - In difficoltà Cadel Evans (BMC), che si è già staccato dal gruppo della Maglia Rosa. Ripreso intanto Robert Kiserlovski.

16:33 - Ora si è formato un terzetto in testa alla corsa composto Francesco Bongiorno (Bardiani), Franco Pellizotti (Androni Giocattoli) e Michael Rogers (Tinkoff-Saxo).

Schermata 2014-05-31 alle 16.32.19

16:32 - Il campione croato Robert Kiserlovski è scattato dal gruppo.

16:30 - C'è anche un habitué della salita di Monte Zoncolan a supportare a suo modo i corridori.

Schermata 2014-05-31 alle 16.28.51

16:28 - I battistrada stanno affrontando un tratto al 16.8% di pendenza. Sono rimasti in 7.

Schermata 2014-05-31 alle 16.27.10

16:20 - 8km al traguardo. Per ora nessuno dei battistrada ha cercato di andarsene. I fuggitivi stanno salendo con un passo regolare, che è comunque già costato caro a Zardini (Bardini).

16:17 - Il gruppo è ancora a 5km dall'inizio della salita. Oggi vivremo due gare; una per la vittoria di tappa e l'altra per la classifica generale.

Schermata 2014-05-31 alle 16.16.20

16:14 - 10km al traguardo. Ci siamo. I battistrada stanno affrontando i primi metri dell'ultima salita. 7'46" il margine sul gruppo della Maglia Rosa alle pendici di Monte Zoncolan.

Schermata 2014-05-31 alle 16.14.26

16:09 - 14.5km al traguardo per i battistrada. Tra 4km inizierà la salita di Monte Zoncolan, la più dura del Giro 2014.

16:05 - 18km al traguardo. 7 minuti di margine per i battistrada, che stanno affrontando la parte finale della discesa.

16:02 - 20km al traguardo. Sale ancora il vantaggio dei battistrada. 6'50" ora il margine sul gruppo.

15:54 - 28km al traguardo. Il gruppo della Maglia Rosa sta affrontando ancora una volta con grande calma la discesa. E' salito nuovamente a 6'08" il vantaggio dei fuggitivi.

15:50 - Subito ripresi Bookwalter (BMC) e Monsalve (Neri Sottoli). Nuovamente 18 in testa.

15:48 - Brent Bookwalter (BMC) e Yonathan Monsalve (Neri Sottoli) sono scattati in discesa, distanziando di qualche centinaio di metri gli altri 16 corridori della fuga.

Schermata 2014-05-31 alle 15.47.56

15:43 - Anche sul GPM di Sella Razzo il primo a transitare è stato Dario Cataldo. Adesso i battistrada affronteranno la lunga discesa di 31.7km fino alle pendici del Monte Zoncolan. Il Gruppo ora ha 5'15" di ritardo dai 18 di testa.

15:39 - Romain Sicard e Pierre Rolland della Europcar stanno aumentando il ritmo in testa al gruppo della Maglia Rosa, che si è subito allungato e sgranato.

15:33 - 43km al traguardo. Chalapud Gomez, Edoardo Zardini e Tim Wellens hanno raggiunto i battistrada. Il vantaggio dei 18 battistrada sul gruppo della Maglia Rosa è di 6'04".

Schermata 2014-05-31 alle 15.32.54

15:30 - Chalapud Gomez, Edoardo Zardini e Tim Wellens stanno per raggiungere i battistrada.

15:20 - 48km al traguardo. Il gruppo della Maglia Rosa ha affrontato la discesa con il freno a mano tirato. In questo momento i 15 battistrada hanno 54" di vantaggio su Jackson Rodriguez, Maarten Tjallingii, Danilo Hondo e Yukiya Arashiro. Ad 1'50" ci sono Chalapud Gomez, Edoardo Zardini e Tim Wellens. A 6'05" il gruppo della Maglia Rosa.

15:15 - 50km al traguardo. Il gruppo dei battistrada ha perso 4 elementi nella discesa di Passo del Pura. Non fanno più parte della fuga Jackson Rodriguez, Maarten Tjallingii, Danilo Hondo e Yukiya Arashiro, segnalati a circa 40" dalla testa della corsa. Tra i 15 c'è anche Michael Rogers, riuscito a rientrare dopo il problema meccanico nella discesa del Passo del Pura. Adesso i battistrada stanno affrontando i primi metri della salita verso Sella Razzo (GPM 2a Cat.).

Schermata 2014-05-31 alle 15.11.23

15:01 - Problema meccanico per Michael Rogers (Tinkoff-Saxo), uno dei 19 componenti della fuga. Ora dovrà faticare per rientrare nelle posizioni di testa.

Schermata 2014-05-31 alle 15.00.06

14:57 - Il gruppo dei battistrada si è molto allungato in discesa.

14:56 - Chalapud Gomez, Perrig Quemeneur, Edoardo Zardini e Tim Wellens hanno scollinato al Passo del Pura con 2'30" di ritardo dai battistrada. A 3'34" dai 19 fuggitivi è invece arrivato il gruppo della Maglia Rosa.

Schermata 2014-05-31 alle 14.55.11

14:52 - Dario Cataldo e Monsalve sono stati i primi a scollinare, poco dopo gli altri battistrada.

14:51 - Su Chalapud Gomez si sono riportati Perrig Quemeneur (Europcar), Edoardo Zardini (Bardiani) e Tim Wellens (Lotto Bellisol). Si è dunque formato un gruppetto di contrattaccanti.

Schermata 2014-05-31 alle 14.49.25

14:48 - 64km al traguardo. I fuggitivi stanno affrontando gli ultimi km della salita del Passo del Pura. In testa alla corsa ci sono 19 corridori in questo momento: Axel Domont (Ag2r), Franco Pellizotti e Jackson Rodriguez (Androni), Francesco Bongiorno (Bardiani), Maarten Tjallingii (Belkin), Brent Bookwalter (Bmc), Mattia Cattaneo (Lampre), Maxime Monfort (Lotto), Jonathan Monsalve (Neri Sottoli); Yukiya Arashiro (Europcar), Simon Geschke e Georg Preidler (Giant), Pieter Serry (Omega), Maxime Belkov (Katusha), Dario Cataldo (Sky), Michael Rogers e Nicolas Roche (Tinkoff), Danilo Hondo e Riccardo Zoidl (Trek). Dal gruppo è partito Chalapud Gomez (Colombia) che si è lanciato all'inseguimento dei battistrada.

14:18 - Dopo 87km il vantaggio dei 20 fuggitivi è costante a 3'40". Sta per iniziare la prima salita verso il Passo del Pura.

13:54 - Percorsi 65km i 20 fuggitivi hanno ancora un vantaggio 3'42". Molto attive in testa al gruppo la Cannondale e la Colombia.

13:28 - Movistar, Astana, Cannondale, FDJ, Colombia, Garmin-Sharp e Orica-GreenEdge non hanno neanche un uomo tra i battistrada. Il distacco del plotone dalla fuga comunque per ora non è molto elevato, 3' 40".

13:25 - Daniele Ratto è stato ripreso dal gruppo, mentre Brent Bookwalter della BMC è riuscito a raggiungere i fuggitivi, ecco dunque i 20 battistrada.


    Axel Domont (AG2R-La Mondiale)
    Franco Pellizotti e Jackson Rodriguez (Androni Giocattoli)
    Francesco Bongiorno (Bardiani)
    Maarten Tjallingii (Belkin)
    Mattia Cattaneo (Lampre-Merida)
    Maxime Monfort (Lotto-Belisol)
    Yonathan Monsalve e Matteo Rabottini (Neri Sottoli)
    Yukiya Arashiro (Europcar)
    Simon Geschke e Georg Preidler (Giant-Shimano)
    Pieter Serry (Omega Pharma-QuickStep)
    Maxime Belkov (Katusha)
    Dario Cataldo (Sky)
    Michael Rogers e Nicolas Roche (Tinkoff-Saxo)
    Danilo Hondo e Riccardo Zoidl (Trek Factory Racing)
    Brent Bookwalter (BMC)

13:11 - Il gruppo Maglia Rosa è circa 4' di ritardo dai battistrada. Nessuno dei fuggitivi è in lotta per la classifica generale, quello messo meglio è Franco Pellizotti che ha oltre 30' di ritardo da Quintana.

12:56 - Si è creata una fuga con 19 corridori: Axel Domont (AG2R-La Mondiale), Franco Pellizotti e Jackson Rodriguez (Androni Giocattoli), Francesco Bongiorno (Bardiani), Maarten Tjallingii (Belkin), Mattia Cattaneo (Lampre-Merida), Maxime Monfort (Lotto-Belisol), Yonathan Monsalve e Mattio Rabottini (Neri Sottoli), Yukiya Arashiro (Europcar), Simon Geschke e Georg Preidler (Giant-Shimano), Pieter Serry (Omega Pharma-QuickStep), Maxime Belkov (Katusha), Dario Cataldo (Sky), Michael Rogers e Nicolas Roche (Tinkoff-Saxo), Danilo Hondo e Riccardo Zoidl (Trek Factory Racing). Dietro di loro a circa 30" c'è Daniele Ratto della Cannondale.

12:25 - Il gruppo è ancora compatto, l'andatura al momento è piuttosto alta. Ci sono stati alcuni scatti, molto attiva soprattutto la Lampre-Merida che probabilmente ha intenzione di mettere un uomo nella fuga oggi.

12:13 - Pochi metri dopo la partenza Manuele Mori, mentre scherzava con Paolo Belli, il cantante che partecipa alla trasmissione tv mattutina con Marino Bartoletti, si è scontrato con collega della Bardiani e sono caduti entrambi, per fortuna non si sono fatti niente anche perché andavano a passo d'uomo.

12:12 - È ufficialmente partita la ventesima tappa da Maniago!

CYCLING-ITA-TOUR

12:08 - È tutto pronto per la partenza. Le Maglie Rosa (Nairo Quintana), Bianca (Fabio Aru, ma è di Quintana anche questa), Rossa (Nacer Bouhanni) e Azzurra (Julian Arredondo) sono come sempre in prima fila con le ragazze-ombrello. Tra pochissimo il via.

Giro d'Italia 2014 | La 20a tappa Maniago-Monte Zoncolan


Arriva lo Zoncolan. Basta questo per convincere tutti a seguire la ventesima tappa del Giro d'Italia 2014 che commenteremo in diretta qui su questa pagina di Outdoorblog.it dall'inizio alla fine, quando avremo la certezza su chi ha vinto la corsa rosa. Domani a Trieste ci sarà la festa per il vincitore, ma la tappa sarà solo una passerella, la classifica finale si stila oggi e Nairo Quintana è più che favorito.

Il colombiano della Movistar ieri ha vinto la cronoscalata sul Monte Grappa e sebbene noi italiani ci siamo giustamente esaltati per l'impresa di Fabio Aru, che ci fa davvero vedere il futuro in rosa (e anche in giallo…), non bisogna dimenticare che Quintana, suo coetaneo, è stato il migliore e lo è stato senza nemmeno sforzarsi troppo, controllandosi per tutto il percorso, cambiando addirittura il casco oltre alla bicicletta, evidentemente molto tranquillo e sicuro di poter perdere qualche secondo in più.

Oggi Quintana potrà mettere la ciliegina sulla torta, scacciare una volta per tutte quelle piccole ombre che secondo alcuni sono ancora rimaste su di lui per la vittoria a Val Martello conquistata senza rispettare come altri la direttiva (che in realtà era solo un consiglio) di seguire le moto (e lui invece le ha sorpassate). Arrivare primo sul Monte Zoncolan sarebbe la vera e propria consacrazione per il colombiano.

Tutta l'Italia, invece, tiferà per Fabio Aru e sebbene le sue possibilità di vincere il Giro siano pochissime (a meno che non succeda qualcosa di clamoroso) la voglia di vederlo arrivare per primo sul "mostro della Carnia" è tanta e il giovane sardo ha tutte le carte in regola per poterci riuscire.

Dopo Quintana, che può anche accontentarsi di controllare e difendere, preoccuparsi solo di non cadere e di non andare in crisi, e dopo Aru, che in salita finora è andato meglio di tutti (eccetto Quintana ovviamente), ci sono tutti gli altri a cominciare da Rigoberto Uran dell'Omega Pharma - Quick Step, che però non è sembrato molto brillante sulle pendenze più dure e per quello che si è visto negli ultimi giorni forse è più probabile che oggi resti indietro e il rischio concreto per lui è di perdere il secondo posto a vantaggio di Aru. In fondo a Montecampione dopo la tappa vinta dal ragazzo dell'Astana fu lo stesso Uran ad ammettere che nel tratto di strada che avevano fatto in salita aveva pensato "Questo Ciccio va troppo forte per me" e che non riusciva a tenere il suo passo.

Tra gli uomini di classifica che in salita finora si sono comportati meglio e che dunque oggi potrebbero aspirare alla vittoria di tappa c'è sicuramente Pierre Rolland della Europcar che forse per quanto fatto vedere finora meriterebbe una grande soddisfazione e la meriterebbe anche Dario Cataldo del Team Sky, che però ha dato tantissimo e forse ormai è un po' scarico o potrebbe essere chiamato a sacrificarsi per Philip Deignan. Anche Domenico Pozzovivo è parso un po' meno brillante rispetto alle prime salite del Giro, ma ieri si è comunque comportato molto bene nella cronoscalata arrivando quinto. Tra coloro che sembrano invece ormai in affanno ci sono i giovani Rafal Majka della Tinkoff-Saxo (chissà se il suo patron, Oleg Tinkov, scalerà anche lo Zoncolan?) e Wilco Kelderman della Belkin, ma non è detto che abbiano deciso di risparmiarsi un po' ieri per tentare il colpaccio oggi. E poi c'è Julian Arredondo, che ha la Maglia Azzurra ben salda sulle spalle, ma che forse a vincere ci ha preso gusto dopo il successo in Valsugana e se ha ancora benzina nelle gambe potrebbe provare a essere protagonista anche oggi.

Tra le squadre più deludenti di questo Giro dobbiamo purtroppo ammettere a malincuore che c'è la Cannondale, allora perché non sperare in un exploit sullo Zoncolan da parte di Ivan Basso (che almeno si è fatto notare in fuga due giorni fa) o Moreno Moser, che invece è stato in ombra per tutta la corsa?
Non dimentichiamo poi il "cagnaccio" Cadel Evans della BMC, duro a mollare, ma non sono escluse sorprese da parte di corridori che non hanno niente da perdere e che potrebbero cominciare a costruire una bella vittoria fin dalla fuga iniziale. Insomma, sullo Zoncolan, si sa, può succedere di tutto, dobbiamo solo metterci comodi e vedere che cosa combinano.

Qui di seguito vediamo la planimetria e l'altimetria con la descrizione dei tre gran premi della montagna odierni.
La tappa comincia intorno alle ore 12:15 e l'arrivo è previsto tra le 17:00 e le 17:30. Seguitela in diretta con noi per non perdervi i momenti più emozionanti del Giro d'Italia 2014.

Giro d'Italia 2014: planimetria 20a tappa Maniago-Monte Zoncolan


Planimetria tappa Zoncolan Giro d'Italia 2014

La tappa che parte da Maniago è lunga in totale 167 km e la parte iniziale attraversa le colline del Friuli, poi a Villa Santina, al km 80,5, c'è un traguardo intermedio e poco dopo, a Enemonzo (km 84) il rifornimento fisso. Poi arrivano le salite vere e proprie che vediamo qui di seguito.

Giro d'Italia 2014: altimetria 20a tappa Maniago-Zoncolan


Altimetria 20a tappa Giro d'Italia 2014 Zoncolan

Il primo gpm, di prima categoria, è il Passo del Pura e si trova al km 103,7 dopo una salita di 11,3 km con una pendenza media del 7,7% e picchi del 13%, caratterizzata da una serie di tornanti fino alla vetta dalla quale si scende verso il lago della Mania e poi si ricomincia subito a salire verso il secondo gpm, di seconda categoria, ma con una salita più lunga, di 15,9 km, con una pendenza media del 5,2% e picchi del 15%. Si tratta della salita di Sella Razzo, dalla quale si scollina al km 126,7 e dopo una lunga discesa ecco che si sale di nuovo, questa volta verso il gpm più duro e decisivo, lo Zoncolan.

Il "mostro" oggi viene scalato dal versante classico, quello di Ovaro. L'ascesa è di 10 km con una pendenza media del 10% e massima del 22%, dove non sarà raro vedere qualche ciclista andare a zig-zag. Il dislivello è di 1.200 metri, dopo i primi 3 km di ascesa ci sono due tornanti a cui i corridori devono fare molta attenzione, uno verso sinistra e l'altro verso destra. Negli ultimi 500 metri la pendenza è dell'11% e sul tornante ai -250 metri è addirittura del 16%. Anche oggi c'è la possibilità che piova, ma anche senza acqua, chi vince compie un'impresa eroica.

Altimetria Monte Zoncolan da Ovaro

Nella gallery altri particolari delle tre salite odierne.

  • shares
  • Mail