Volley maschile, nasce la Serie A1 Superlega: per la licenza, tra bonus e penalità, conta anche YouTube…

Nuova formula che si basa sulle licenze e non sul meccanismo promozione-retrocessione.

Il massimo campionato di pallavolo maschile cambia volto e dalla prossima stazione si chiamerà Serie A1 Superlega. La novità più importante sta nel fatto che d'ora in poi non si baserà più sul classico meccanismo di promozione e retrocessione, ma sulle licenze.

In particolare, il Regolamento Organico che nei giorni scorsi era stato presentato anche alla Federvolley con i Regolamenti di Ammissione e che oggi è stato approvato, a Bologna, dal Consiglio di Amministrazione e poi dall'Assemblea Ordinaria della Lega, prevede che la licenza Superlega venga assegnata per il 2014-2015 a tutte le squadre che si sono guadagnate il diritto sul campo, poi, dalla stagione 2015-2016 la la prima squadra classificata del Campionato di Serie A2 potrà presentare domanda di attribuzione della licenza, con l’ulteriore possibilità di una wild card.

Per quanto riguarda la wild card, essa, come prima opzione, potrà essere richiesta dalla società di Serie A2 perdente la Finale Promozione, ma deve dimostrare di essere già in regola con alcuni parametri di qualità.

La durata della licenza Superlega è di quattro più due anni. Alla fine della terza stagione la Lega e la Federvolley verificheranno se ci saranno le possibilità di prolungare per gli altri due anni alla fine del quarto fino al totale di sei anni.

Ci sarà inoltre un sistema di controllo di tre diverse aree nell'arco di un biennio che consentirà un calcolo di penalità che potranno eventualmente portare anche alla revoca della licenza. Ecco le tre aree monitorate:


    1) classifica finale di Campionato (penalità per chi arriva negli ultimi due posti)
    2) rispetto degli impegni economici ossia la verifica in quattro scadenze annuali della puntualità dei pagamenti, che andranno sottoscritte dagli atleti
    3) percentuale di riempimento dell’impianto di gioco che è fissata all’80% di capienza massima, con ingressi omaggio sotto al 20%. La capienza resterà a 2000 spettatori fino alla stagione 2017/18, anno in cui la capienza sarà aumentata a 3.000

Le penalità potrebbero tuttavia essere annullate da dei bonus per i club che raggiungeranno tutti questi quattro obiettivi:


    1) partecipazione diretta ai Campionati giovanili Under 13 (o 14), 15, 17 o 19 (o Junior League)
    2) attività di merchandising
    3) presenza sala hospitality
    4) soglia minima annuale di 80.000 contatti YouTube (sono allo studio ulteriori parametri “social”)

L'11 giugno scadono i termini per la cessione del titolo, mentre entro il 18 giugno 2014 si dovranno presentare i documenti alla Commissione Ammissione ai Campionati.

Serie A1 Superlega Volley Maschile

  • shares
  • Mail