Sci | Cortina battuta, i Mondiali del 2019 si terranno in Svezia

La località italiana perde il confronto con Are

SKI-WORLD-ITA-WOMEN-DOWNHILL

Cortina d'Ampezzo non ospiterà i Mondiali di Sci del 2019. La Perla delle Dolomiti ha perso il confronto con Are, località svedese situata nella parte occidentale della nazione scandinava. Una bocciatura tanto inaspettata quanto inaspettata per il Comitato italiano che teneva all'organizzazione dell'evento. La Fis, al termine del congresso di Barcellona, ha comunicato l'esito della votazione: 9 contro 8 per gli svedesi, una beffa per Cortina. "Questo non è sport, è un fatto scandaloso. Mi spiace per tutti i ragazzi che hanno lavorato e hanno creduto a questa candidatura che era nettamente la migliore", commenta duramente Luca Zaia, presidente del Veneto che ha presenziato a Barcellona.

A far pendere l'ago della bilancia verso la Svezia hanno contribuito le pressioni diplomatiche, il diverso peso politico e l'immagine non certo limpida dell'Italia all'estero, con azioni giudiziarie che si sono concretizzate proprio in concomitanza con la presentazione della candidatura, che fanno apparire il paese inaffidabile per la gestione dei grandi eventi. Sempre la stessa storia, verrebbe da dire. Il Comitato di Cortina 2019, con un lungo comunicato stampa giunto alla nostra redazione, spiega le ragioni della sconfitta con queste e altre motivazioni e, smaltita la rabbia e la comprensibile delusione, manda un in bocca al lupo alla Svezia: "Ad Are facciamo, comunque, i nostri complimenti e gli auguriamo un ottimo 2019. Si tratta di una località seria e preparata e saprà ospitare degli ottimi Mondiali”.

Cortina 2019 punta il dito anche contro la Fis - "Ci aspettavamo di più e si aspettavano di più le decine di giovani che hanno lavorato con noi per amore dello sci e di uno sport pulito e trasparente" - e critica la scelta dei giurati che hanno preferito Are: " Già aveva ottenuto i Mondiali nel 2007 e che non farà altro che riutilizzare strutture e know how preesistenti, sconfessa platealmente questo principio”.

  • shares
  • Mail