Ciclismo: dopo il Tour de France, Nibali lascia l'Astana

Lettera di richiamo per "scarso impegno" da parte dell'Astana a Vincenzo Nibali. Il siciliano è deluso e lascerà la squadra dopo il Tour de France. Il leader diventerà quindi Aru.

Tra l'Astana e Vincenzo Nibali, vincitore del Giro d'Italia 2013, è rottura. Una notizia clamorosa o forse no. La squadra e il suo capitano firmeranno una sorta di patto d'acciaio per provare a conquistare il Tour de France; poi, le loro strade si divideranno. Tutto è cominciato con la lettera di richiamo "per scarso impegno" recapitata al corridore siciliano da Alexander Vinokourov. Il motivo? Le zero vittorie del 2014 da parte della maglia rosa dell'anno scorso.

La lettera di richiamo proprio non è andata giù a Nibali, che si sta meticolosamente preparando alla Grande Boucle. Vincenzo ha pure rinunciato al Giro d'Italia 2014 pur di correre da favorito per la maglia gialla. Il manager del campione italiano, Alex Carera, ha cercato di gettare acqua sul fuoco proprio per evitare tensioni inutili alla vigilia della corsa francese.

"E' tutto nella norma. Si tratta di cose vecchie che riguardano tutta la squadra e tutto lo staff. Problemi non ne vedo".

Problemi, invece, ce ne sono. Ma per il momento non usciranno fuori in modo esplicito. Domani scatta il Delfinato e Nibali ci sarà per "fare la gamba" e sfidare Froome e Contador, altri due pezzi da novanta assenti al Giro e che al Tour puntano al bersaglio grosso. Poi l'Astana andrà in ritiro a San Pellegrino e qui Nibali e il suo entourage firmeranno la tregua.

Dietro alla lettera di richiamo, però, potrebbe esserci pure una precisa strategia da parte della squadra. Con l'esplosione al Giro d'Italia di Fabio Aru, l'Astana avrebbe deciso di puntare con decisione su quest'ultimo (più giovane e con un contratto meno oneroso). Ecco, allora, che l'addio di Nibali verrebbe considerata una liberazione (di risorse) per far firmare al sardo il rinnovo e per cercare nuovi talenti giovani (su tutti il francese Barguil). E Nibali? A lui non manca il mercato: lo vogliono Trek, Tinkoff e Cannondale per cominciare. Una volta che avrà rescisso con l'Astana (il contratto di Nibali scadrebbe nel 2016). qualche altro team si aggiungerà all'asta. E l'Astana eviterà di avere due galli nello stesso pollaio.

Vincenzo Nibali

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail